“Voglio scrivere un libro ma non so se la mia idea √® originale”

Talento

Caro amico di google (la frase del titolo¬†l’ho¬†trovata nelle statistiche del blog), non lo sai perch√© non hai frequentato le biblioteche (lo dico per chi dice che i libri costano cari, che comunque √® vero. Le biblioteche sono gratis, ricordatelo, e io le frequento da sempre). In pratica, caro amico che digiti su google, e magari √® l’unica attivit√† di scrittura che sai fare, se ti poni questa domanda significa che hai praticato poco la lettura, altrimenti sapresti cosa √® originale e sapresti anche che le cose di cui si scrive sono sempre quelle: amore, soldi e delitti, in varie miscele e percentuali. In pratica si scrive di vita e le cose che accadono sono sempre le stesse; ci√≤ che cambia e che pu√≤ fare la differenza √® lo stile e la voce narrante. Il modo in cui si espone la vicenda, la voce che si usa, il metodo per l’intreccio, la forza dei personaggi, questo fa la differenza.
√ą la voce che deve essere originale, non l’idea. Certo, se ci fosse anche quella non sarebbe male. Continua a leggere ““Voglio scrivere un libro ma non so se la mia idea √® originale””

Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo ‚Äď fase cinque

come-posare-un-pavimento-di-piastrelle-in-cotto_fcf04bebee874b9b08b3475508482c65

Sono arrivate le scatole con i materiali ordinati (post precedente), le nostre belle piastrelle sulla cui scelta abbiamo meditato a lungo.
Il tempo impiegato non √® stato buttato: ci √® servito per capire meglio cosa stiamo facendo e per non pentirci poi di scelte affrettate che non coincidono con il risultato che vogliamo ottenere: un bel bagno originale, con elementi di qualit√† e bellezza. Un bagno con tubature in ordine – non vogliamo trovarci subito a rompere muri e rimediare a errori – e intonaco perfetto, con colori armonizzati e finiture adatte al resto. Continua a leggere “Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo ‚Äď fase cinque”

Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo ‚Äď fase quattro

bagno-country

Nella fase tre abbiamo studiato cosa abbiamo gi√† in nostro possesso – un bagno da ristrutturare, con tubature gi√† rifatte, e ambientazione ‘casa di campagna’* -, abbiamo visitato i vari negozi di piastrelle (libri letti e autori che amiamo) e valutato le possibilit√†. Quindi abbiamo optato per un pavimento di cotto, ancora da trattare, e rivestimento bianco (un classico che non stanca ma che non infiamma, pensateci prima di ordinare) con greca in cotto dall’aspetto rustico che ben si coniuga con l’ambiente. Continua a leggere “Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo ‚Äď fase quattro”

Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo ‚Äď fase tre

pavimento_in_cotto_3

Nel post precedente, oltre alla cassetta degli attrezzi, derivata dal post numero uno, abbiamo esaminato cosa √® gi√† in nostro possesso: la struttura del vecchio bagno da ristrutturare. Le piastrelle/storia e i sanitari/personaggi dovranno vivere in questa struttura/location (ambientazione, detta all’italiana).
Esaminando il bagno, qualcuno di noi noter√† che √® mansardato, qualcuno vedr√† che √® in un appartamento inserito in un condominio, qualcuno vedr√† il suo bagno in una villetta in campagna. Continua a leggere “Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo ‚Äď fase tre”

Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo – fase due

images

Nel post precedente avevamo la cassetta degli attrezzi (ma non dei materiali, vi ricordo), le piastrelle, i sanitari nuovi, e dovevamo ristrutturare il bagno, ricordate?
Cassetta degli attrezzi = grammatica e vocabolario
Piastrelle = storia
Sanitari = personaggi

Per meglio chiarire, Continua a leggere “Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo – fase due”

Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo

EO037

La frase, digitata da qualcuno su google e approdata sul mio blog, penso indichi una ricerca su come iniziare la scrittura di un libro, non di come leggerlo.
Mi sembra anche una buona idea: inizia l’anno nuovo e si parte con un progetto.
Iniziamo, quindi, questa nuova scrittura.
Anche se penso che, chi ha fatto la ricerca, intendesse ‘come iniziare la prima scrittura’ tout court.

Innanzitutto, lo sapete, servono gli strumenti: dobbiamo avere un passato da lettore e da frequentatore di grammatiche e vocabolari. Continua a leggere “Iniziare un libro √® come progettare un bagno nuovo”

Fare da sé

gere-gigolo

“Chi fa da s√© fa per tre”, recita il vecchio adagio.
Significa che quando si fa da soli, si ottengono risultati migliori e che il lavoro viene svolto pi√Ļ velocemente di quando, invece, si chiede ad altri?
O significa, forse, che chi fa da solo lavora il triplo?
Anche.
Io credo siano valide tutte e due le versioni. Continua a leggere “Fare da s√©”

La forma per scrivere un libro

gioco-in-legno-forma

Quando facciamo una ricerca su google tendiamo ad abbreviare, condensiamo le frasi.
Chi ha digitato “la forma per scrivere un libro” voleva forse intendere la struttura? O voleva intendere lo stile?
Ricordo che questo post fa parte di questo ciclo e deriva dalle frasi con cui gli utenti arrivano a questo blog.

La forma del romanzo pu√≤ essere intesa come il modo che usiamo per narrare: favola o novella ad esempio. I primi romanzi erano d’avventura e sono nati in Spagna.
(avrete notato che per me ‘libro’ √® sinonimo di ‘romanzo’. ma anche se parliamo di un libro di racconti, dovremo comunque dar loro una forma e certe considerazioni sono valide per i due casi).
Ma la forma potrebbe anche essere la struttura: come divido i capitoli? come alterno le varie scene e come faccio parlare i personaggi? Continua a leggere “La forma per scrivere un libro”

I flashback come si scrivono? Tra le virgolette alte o si possono usare anche i trattini?

kensigton_flashback

Questa frase è stata digitata su google, come le altre che sono inserite in questo gruppo di post.
Seguite questo link e questo e le troverete tutte.

Torniamo ai flashback: ne ho parlato anche qui. Continua a leggere “I flashback come si scrivono? Tra le virgolette alte o si possono usare anche i trattini?”

Scrivere un romanzo √® come fare il ‘cambio dell’armadio’

cambio-armadi-istruzioni-per-luso-L-IJbPk_

Sapete tutti come fare quell’operazione che molti chiamano “il cambio dell’armadio” (che non significa cambiare il mobile contenitore dei nostri abiti, bens√¨ cambiare la posizione dei medesimi in modo da avere a portata di mano quelli adatti alla stagione) sia una cosa fastidiosa e anche faticosa.
Si passano settimane dicendo: “Dovrei fare il cambio dell’armadio”, “Devo decidermi a farlo”. Continua a leggere “Scrivere un romanzo √® come fare il ‘cambio dell’armadio’”

Come iniziare la stesura di un libro

8602281-giovane-donna-sola-sulla-strada-nella-notte-in-attesa-di-qualcuno-da-dietro-la-paura-da-assalto

Il titolo proviene dalle frasi digitate su google e che hanno portato visite a questo blog.
Qui trovate altre frasi e altri ‘consigli’ di scrittura. L’ultimo, tra l’altro, √® Come impostare la stesura di un libro, titolo quasi uguale a questo. Forse tra le due cose non c’√® differenza, per√≤ si pu√≤ sempre aggiungere qualcosa. Vedremo se √® vero, se aggiunger√≤ o mi ripeter√≤.

Come iniziare la stesura di un libro.
Ci sono molte possibili soluzioni, modi di approcciarsi a questo libro che vive nella nostra testa.
Per prima cosa io direi: raccogli il materiale.
Che significa? Continua a leggere “Come iniziare la stesura di un libro”

Come impostare la stesura di un libro

scrivere un libro“Impostare la stesura di un libro” √® una faccenda impegnativa.
Impostare significa gettare le basi, preparare gli ingredienti, metterli in fila affinch√© sia pi√Ļ facile prenderli e usarli, significa pesare le giuste quantit√† e soprattutto significa dare il giusto peso a quella voce “q.b.” che significa molte cose, soprattutto che non beccheremo mai la dose perfetta.
Se pensate di essere capitati in un blog di cucina, vi invito a pensare alle affinit√† esistenti tra la medesima e la letteratura: intanto ambedue sono pratiche artistiche, misteriose e piene di segreti. E poi, cos’√® che tutti cercano quando digitano queste frasi su internet?

Ricordo che queste frasi, come quella del titolo e le altre di cui mi sono occupata in passato (molti post li trovate raggruppati in questo tag) provengono dalle ricerche su google che i lettori di questo blog effettuano.

Chi digita queste frasi cerca la ricetta segreta, quella perfetta, quella sconosciuta a tutti ma che verrà rivelata a lui, per comporre, creare, cucinare un libro.
La ricetta non esiste. Non ne esiste solo una e non √® mai perfetta. Finch√© non l’avremo elaborata e aggiustata sui nostri insuccessi, sui romanzi bruciacchiati, troppo salati, con un sugo sciapo, poco amalgamato e una presentazione banale con le pagine buttate sul vassoio a casaccio.

Finora ho celiato, ma non così tanto come potrebbe sembrare.

La verità è che la stesura di un libro richiede molta cura e pazienza e non esiste davvero la ricetta perfetta.
Ogni libro necessita di un diverso metodo; non esiste il metodo universale. La scrittura non √® un telecomando. Continua a leggere “Come impostare la stesura di un libro”

L’occhio esterno aiuta il romanzo. E anche lo scrittore

La storia scorre sotto alle nostre dita: Giuseppe fa questo, Mariella è innamorata di lui ma non vuole che lo sappia, Aldo ama Mariella e lo confida a Giovanni. I tre si trovano una sera e succedono cose strane, tra sguardi silenziosi e ammiccamenti.
Tutto chiaro, no?
La sorpresa è che per chi scrive è sempre tutto chiaro: chi scrive ha la storia in testa e sa anche le cose che non butta sulla tastiera.
Ma per chi legge sar√† altrettanto chiaro? Continua a leggere “L’occhio esterno aiuta il romanzo. E anche lo scrittore”

Fasi per scrivere un libro ‚Äď dodicesima

Le nostre trecento pagine sono ora diventate duecentosessanta e noi siamo molto soddisfatti del lavoro svolto in questa fase. Prima abbiamo superato altre dieci fasi:¬†¬†abbiamo iniziato con¬†l‚Äôidea, ci siamo creati una solida¬†motivazione, abbiamo approfondito¬†la conoscenza¬†dei nostri personaggi, abbiamo preso¬†appunti¬†sulla nostra storia, abbiamo superato lo scoglio della¬†scrittura del primo capitolo¬†con scoperta della voce narrante, del punto di vista e dello stile, abbiamo cercato¬†i lettori¬†con cui avere un confronto, abbiamo superato il¬†primo blocco della scrittura, abbiamo scelto un¬†titolo,¬†ci siamo muniti di¬†un incipit efficace¬†e di una¬†adeguata fine. Continua a leggere “Fasi per scrivere un libro ‚Äď dodicesima”

Fasi per scrivere un libro ‚Äď undicesima

Ecco: abbiamo davanti a noi, stampate e posate sulla scrivania, o salvate in un file sul pc, le trecento pagine che compongono il nostro romanzo. √ą una bella sensazione essere arrivati in fondo a questo ambizioso progetto: abbiamo scritto un libro (per ora √® un testo ma, perbacco, √® una storia, la nostra storia).
E prima abbiamo superato tutte le fasi della scrittura: abbiamo iniziato con¬†l‚Äôidea, ci siamo creati una solida¬†motivazione, abbiamo approfondito¬†la conoscenza¬†dei nostri personaggi, abbiamo preso¬†appunti¬†sulla nostra storia, abbiamo superato lo scoglio della¬†scrittura del primo capitolo¬†con scoperta della voce narrante, del punto di vista e dello stile, abbiamo cercato¬†i lettori¬†con cui avere un confronto, abbiamo superato il¬†primo blocco della scrittura, abbiamo scelto un¬†titolo,¬†ci siamo muniti di¬†un incipit efficace¬†e di una adeguata fine. Continua a leggere “Fasi per scrivere un libro ‚Äď undicesima”