Romanzo a quattro mani: chi è il mio socio di scrittura

cane-e-gatto

Era una delle mie ambizioni, già lo sapete. Ne ho parlato in questo post, dove ho raccontato la mia ‘avventura’ con un altro autore. Avventura incompiuta.
È naturale, quindi, che io ci abbia riprovato, ma stavolta ho cercato di compiere una scelta oculata. Che significa?
Che ho scelto un autore bravissimo? Certo, questo è ovvio.
Ma ho pensato anche ad altro: e cioè al senso di fiducia nella sua serietà e accuratezza nel lavoro. Ho proposto la scrittura a quattro mani a un autore che non mi avrebbe lasciata a piedi in mezzo al capitolo. E che non si sarebbe fermato prima della ventesima rilettura. Continua a leggere “Romanzo a quattro mani: chi è il mio socio di scrittura” →

La (davvero) ultima revisione

21-marzo

Sette mesi fa, in questo post, ho annunciato che avevamo (il mio socio e io: socio di cui saprete il nome venerdì) compiuto l’ultima revisione al testo, il nostro romanzo che uscirà in ebook il 21 marzo (non potete sbagliare: è il giorno in cui ufficialmente inizia la primavera). Continua a leggere “La (davvero) ultima revisione” →

Il romanzo a quattro mani è in fase di pubblicazione

lima-unghie-metallo

Ho una novità.
Ricordate quando, lo scorso anno, in questo post scrissi che avevo ordito – non potevo ripetere il verbo ‘scrivere’ – una storia romanzesca (un romanzo) con un altro autore?
Bene. È finalmente arrivato il momento e la data fatidica sarà il 21 marzo: l’ebook arriverà insieme alla primavera, se tutto fila liscio. Continua a leggere “Il romanzo a quattro mani è in fase di pubblicazione” →

Romanzo erotico? Uno dei più difficili da scrivere

e545acdd172e7665878753b95de220cf

Stephanie Seymour. Vogue, 1995. Photo: Helmut Newton

Qualche giorno fa, su facebook, mi sono imbattuta in queste frasi:

Buongiorno a tutti! Ecco un estratto del mio romanzo erotico!
Dal romanzo erotico Maya o Bocca Di Rosa
“Dai baci passammo alle carezze, io non stavo letteralmente più nella pelle. Avevo voglia di lui, di averlo, di baciarlo, toccarlo, leccarlo, amarlo. Ci toccammo entrambi con un’intensità crescente. Le nostre mani correvano sui corpi nudi e un poco sudati per l’eccitazione e il calore sprigionato.”

Naturalmente – curiosità di lettrice e anche cultrice della parola scritta – ho cliccato sul link per approfondire l’argomento (della difficoltà di scrivere erotismo ne parlai già qui) e ho trovato altre frasi: Continua a leggere “Romanzo erotico? Uno dei più difficili da scrivere” →

Coalescere cosa?

fullsizeoutput_1270

Sto leggendo La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano. Lo so, non è una gran notizia visto che il libro è uscito nel 2008, ma io arrivo spesso ultima soprattutto per i libri molto acclamati. E comunque, anche questo libro è un prestito.
Devo dire che pensavo peggio. Il romanzo ha una buona costruzione (finora) e due personaggi molto complessi. Il mio timore è che poi l’autore non riesca a consolidare la vicenda e abbia messo troppe cose sul piatto. Continua a leggere “Coalescere cosa?” →

Il peso di un tramonto

12.229.116.541340549776

Ieri ho letto un post in cui si discorreva di scrittori o presunti, o desideranti. L’autore del post diceva che ci sono persone che, anche avendo compreso che la loro scrittura non interessa agli editori – la qual cosa, a volte, non significa nulla, ma spesso sì -, scrollavano le spalle e proseguivano indomiti a battere tastiere o vergare parole con la penna d’oca. Continua a leggere “Il peso di un tramonto” →

Come si fa la revisione al testo – due

TextEditScreenSnapz002

Nel post precedente ho affrontato la questione in un modo ‘semplificato’, con un esempio matematico e puntando solo sull’azione meccanica dell’eliminazione. Ma non è così semplice fare la revisione al testo, e non così immediato come ho descritto. La mia era anche una provocazione: è evidente che il taglio, l’eliminazione, sia necessaria ma è una conseguenza, non l’obiettivo primario. Non dobbiamo tagliare tanto per farlo, dobbiamo procedere a ragion veduta.

Quindi? Continua a leggere “Come si fa la revisione al testo – due” →