Regala(ti) un ebook a un prezzo speciale

copertina La centesima finestraUn autore indie ha poche opportunità di farsi conoscere se non vuole ricorrere a uno spam assurdo e invasivo con tutti i suoi contatti.
Io non spammo mai e non dico di comprare i miei libri o ebook, ma una promozione come questa, che consiste in uno sconto del 50% sul prezzo dei miei ebook,  non posso tacerla. Questo sconto potrebbe aiutare gli indecisi a spendere i soldi di una colazione al bar e leggere finalmente ciò che, con tanta fatica, ho prodotto.

Parlo del mio romanzone La centesima finestra Continua a leggere “Regala(ti) un ebook a un prezzo speciale” →

Autopubblicazione e/o Casa editrice?

SafariScreenSnapz004

Ieri ho partecipato a una discussione su twitter (nell’immagine uno screenshot dei tweet). L’argomento, promosso da Narcissus (che da ieri si chiama StreetLib.com) era quello che leggete nel titolo di questo post: autopubblicazione e/o casa editrice?
La discussione è stata interessante e come sapete l’argomento mi è molto caro. Il self-publishing è ormai una parte importante della nostra scrittura. Qualche anno fa, se non si arrivava a un editore, si teneva il benedetto manoscritto dentro quel famoso cassetto – che poi è il disco fisso del computer o, per chi è prudente, anche un disco esterno con copie di backup -, per tutta la vita.
Ora, sappiamo tutti che il mondo va avanti anche senza i nostri testi, però a noi piace farci leggere e quelle storie chiuse a chiave ci fanno pena.
Ed ecco l’autopubblicazione.
Devo dire, però, che la discussione ha sorvolato su alcuni aspetti della faccenda e la domanda formulata in questo modo, prospetta che noi si abbia LA SCELTA libera e incondizionata tra pubblicare con un editore che ci piaccia o autopubblicarci.
Ebbene, non è così. Continua a leggere “Autopubblicazione e/o Casa editrice?” →

Autopubblicazione: ultime verifiche

lente_dingrandimento

Abbiamo creato il nostro ebook, messo la copertina (che abbiamo commissionato a un grafico se per noi “la grafica” è solo una ragazza che lavora in una tipografia).
Non ho detto nulla nei post precedenti riguardo l’editing del nostro testo: se non siamo in grado di farlo e se non abbiamo amici valenti che ci mostrino i punti bisognosi di cura del nostro testo, dobbiamo affidarci a qualcuno che faccia questo lavoro per noi. Questo è un passo da fare prima, quando pensiamo di essere quasi pronti. Continua a leggere “Autopubblicazione: ultime verifiche” →

Autopubblicazione: creazione del nostro ebook

backtypo1

Dopo vari passaggi, e dopo settimane di ripensamenti e modifiche, siamo arrivati ad avere il nostro testo revisionato e perfetto.
È il momento tanto atteso della creazione.
Entriamo nel nostro account su Narcissus e passiamo nell’abiente BackTypo dove la prima scelta è ‘crea un nuovo libro’ o ‘importa un nuovo libro’. Da poco infatti è possibile importare direttamente il file da word senza fare il copia-incolla, come si faceva fino a poco fa e come ho fatto io per la creazione dell’ebook Un uomo mi ha chiamata Tesoro. Continua a leggere “Autopubblicazione: creazione del nostro ebook” →

Autopubblicazione: curare ogni aspetto

benessere

Non dobbiamo avere fretta di arrivare al nostro ebook; non dobbiamo farci fregare dal desiderio di vederlo online sugli store principali.
Nel secondo post di questo ciclo, abbiamo rivisto il testo, ci siamo assicurati dell’adeguata formattazione, abbiamo ripulito il file perfino dai caratteri invisibili – quegli antipatici spazi in più che deturpano le nostre pagine -, abbiamo studiato il titolo in maniera adeguata. Certi di tutte queste cose, possiamo procedere.
Se nel frattempo abbiamo coinvolto un grafico per la progettazione della nostra copertina – non sottovalutiamo la copertina per favore, non vorrete che il vostro libro si presenti con una copertina rossa o blu, o verde acido, con il titolo, il vostro nome e basta, vero? -, siamo quasi pronti per la pubblicazione.

Alt! E come facciamo per trasformare – creare! mi hanno detto che devo usare “creare”! –  un file di word in un ePub? Continua a leggere “Autopubblicazione: curare ogni aspetto” →

Autopubblicazione – rivedere il testo e prepararlo alla conversione

geroglifici

Nel primo post di questo ciclo ci siamo preparati all’autopubblicazione del nostro testo: abbiamo rivisto per la ventesima volta – se non fosse la ventesima auspico sia almeno la decima. Se le revisioni sono solo due, consiglio di attendere – il file, corretto, tagliato ed eliminato parole. Abbiamo esaminato le varie piattaforme di pubblicazione e stiamo orientando la nostra scelta.
Il prossimo passo è la ‘conversione’ in epub (conversione tra virgolette: un tecnico mi dice che il file non si converte, ma si crea), ma prima (prima!) dobbiamo essere ben certi della formattazione del nostro gioiello. Che significa formattazione? Continua a leggere “Autopubblicazione – rivedere il testo e prepararlo alla conversione” →

Autopubblicazione: come iniziare

self-publishing-small

Ci sono alcuni passaggi obbligati per arrivare a una buona autopubblicazione, ma prima mi pare doveroso chiarire le varie modalità con cui si arriva a pubblicare un proprio testo.

  • C’è il modo classico: un editore accetta il vostro lavoro e decide di investire su di voi, pratica ormai lontana come il posto fisso a cui non siamo più abituati.
  • C’è la EAP, editoria a pagamento, vituperata e odiata da molti ma ancora in uso: un editore si innamora del vostro testo e vi paragona ai grandi autori. Dopo avere ottenuto la vostra stima, vi fa una proposta alla quale rinuncerete solo se aprite gli occhi in tempo. Faccio notare che gli editori possono chiedere pagamenti anche in modo subdolo, proponendovi acquisto di copie o altro, quindi non basta dire che non avete pagato per la pubblicazione se poi avete acquistato 200 copie del vostro libro.
  • C’è infine, last but not least, il self-publishing: l’autore decide di diventare editore di se stesso e pubblica il proprio lavoro in formato digitale e lo vende sul web, proponendolo sui principali store, tipo Amazon, bookrepublic, kobostore ecc.

Continua a leggere “Autopubblicazione: come iniziare” →