Lettera aperta a chi scrive agli esordienti

stephen_king

Sono tutti pieni di consigli per gli esordienti.
Io leggo e faccio tesoro di tutto: magari in mezzo ce n’è uno buono. Di consigli, dico.
Tutti hanno qualcosa da dire per contribuire alla consapevolezza di questi poveri scrittori che non sanno nulla e arrancano in un territorio pieno di buche.
Ad esempio, leggo qui e scopro che “gli autori esordienti che si propongono a noi non sono poi disposti a investire il loro denaro nell’acquistare un libro di un esordiente (un loro pari, quindi) e spendere poi il loro tempo a leggerlo”.
Io, per anni, ho comprato, letto e recensito libri di autori poco noti pubblicati da case editrici di cui non avevo conoscenza fino a un attimo prima. Continua a leggere “Lettera aperta a chi scrive agli esordienti”

Passione, determinazione, tenacia. Ne parliamo con Loredana Rotundo

Quando si ama la scrittura non importa da quale parte si lavora: se la passione è autentica, se l’amore per le parole è così forte da farne una professione, il risultato sarà di grande soddisfazione. Ed è ciò che si può dire dell’operato di Loredana Rotundo, agente letterario, fondatrice e responsabile dell’agenzia letteraria Loredana Rotundo.
L’agenzia vanta belle pubblicazioni e rapporti con grandi case editrici, e offre molti servizi agli esordienti. Vediamo di capirne di più insieme a Loredana.

• Nel sito della sua agenzia leggo: “Ha sfidato il difficile mondo dell’editoria partendo dal nulla, creando contatti, navigando nei labirinti della rete per cercare nuove case editrici straniere da rappresentare, romanzi inediti, esordienti italiani.” 
Quanto è stato difficile creare questi contatti? Com’è riuscita a entrare in questo mondo partendo dal nulla? Continua a leggere “Passione, determinazione, tenacia. Ne parliamo con Loredana Rotundo”

Lezioni 48 e 49 – scrivere un romanzo

Devo sempre recuperare qualche lezione, qui sul mio blog. Le lezioni, però, le leggo sempre. Il blog di Radames è per me un appuntamento fisso.
Sto cercando di andare avanti con il mio progetto, il mio bel “maialino” (il riferimento è al mio racconto La scrittura è come il maiale), che è partito come racconto, poi racconto lungo o romanzo breve e ora sembra un romanzone. Un bel maiale grasso è diventato questo mio romanzo.

Sono anche un po’ preoccupata. Io avrei voluto scrivere una storia che si sviluppasse in 150 pagine al massimo. Poi ridotte in libro diventano qualcosa di più e non mi sembrava il caso di partire con una storia che richiedesse uno sviluppo maggiore. Continua a leggere “Lezioni 48 e 49 – scrivere un romanzo”