“La centesima finestra” in promozione solo per oggi

Solo per oggi, 19 febbraio 2021, il mio romanzone preferito, La centesima finestra,  è in offerta su tanti store.

Anziché 4,99, lo troverete a 1,49 su Amazon. Offerta del giorno, signori! Datevi una mossa 😀

Prima però, se ancora non lo conoscete, vi linko alcuni post: Continua a leggere ““La centesima finestra” in promozione solo per oggi” →

Notizie da casa mia – sconfiggere l’abbrutimento

Il pericolo della reclusione forzata, del non uscire di casa, è ‘ridursi come bruti’, dimenticarsi l’igiene personale – concentrati sul lavaggio delle mani potrebbe accadere pure questo -, non cambiarsi gli abiti, addirittura non indossarli e vivere in pigiama.
Che problema c’è? Tanto non devo uscire, non mi reco al lavoro, non vado in giro per lo shopping, non mi trovo con gli amici. Infatti: perché non posso restare in pigiama per venti giorni? Perché pettinarmi, mettermi forse lo smalto alle unghie,  perché mettere una crema idratante, perché tagliarmi le unghie?
Per mantenere il rispetto di sè.

Ecco, questo post sarebbe già finito. Continua a leggere “Notizie da casa mia – sconfiggere l’abbrutimento” →

L’importanza di chiamarsi Ernesto

Pinocchio

 

Il titolo giusto per un romanzo: chi lo decide? Viene prima il titolo o la storia? Cosa ci dice un titolo? –
Se il titolo non rispecchia il contenuto del libro, è un titolo bugiardo, come Pinocchio o come l’Ernesto della famosa commedia.

Ne ho già parlato molte volte: considero il titolo del romanzo, o raccolta di racconti, insomma di un libro, molto (sottolineato) importante.
Come per l’Ernesto della famosa commedia di Oscar Wilde, che viene accettato come fidanzato in quanto le giovani donne (abbiamo due ‘Ernesto’ nella commedia) affermano che vogliono fidanzarsi solo con uomini che portino codesto nome – anche se nella commedia si gioca sulla pronuncia di earnest (onesto) ed Ernest (Ernesto, appunto) che è uguale, e si mostra il paradosso di chiamarsi con un nome che i due sbugiardano, in quanto mentono spudoratamente e non sono, quindi, onesti, il nome ha molta importanza. E il nome di un libro è, appunto, il titolo. Continua a leggere “L’importanza di chiamarsi Ernesto” →

Maledetti DRM

drm

L’ebook ha cambiato le nostre abitudini ed è entrato nelle nostre vite.
Tutto è accaduto velocemente e gli editori si sono adeguati a percorrere strade che non avrebbero mai immaginato.
Una sorta di rivoluzione culturale che passa attraverso il mezzo (tralasciamo per ora il contenuto).
Divulgare un libro digitale comporta nuovi dilemmi: cosa ne farà il lettore di questo libro senza fisicità? Un libro che può passare da un computer all’altro e può essere letto da molti lettori? (magari!)

Continua a leggere “Maledetti DRM” →