Ho ricevuto un Liebster Award – 11 curiosità su di me che non sapevate di avere

Ogni tanto – a me capita ogni sei/sette anni – chi ha un blog si ritrova premiato da altri blogger. Stavolta, e proprio a cavallo del ferragosto, mi ritrovo a ricevere ben due Liebster Award. Il primo me lo consegna Nadia Banaudi (grazie Nadia!) in questo post, e mi pone undici domande, alle quali tenterò di rispondere:

 

1. Il ricordo più bello, che porti sempre con te, della tua vita.
A questa domanda mi avvalgo della facoltà di non rispondere 😉

2. Il tuo difetto peggiore, che solo a dirlo ti esce l’orticaria.
Ehm… sono certa di non avere un difetto così grande… anzi, non ne ricordo nemmeno di piccoli… Continue reading “Ho ricevuto un Liebster Award – 11 curiosità su di me che non sapevate di avere”

La pagina dei ringraziamenti

xThank-you-post-it-e1394707619451-670x415.jpg.pagespeed.ic.vBo-EUA4M9

No, non è che me ne sto andando e ringrazio chi mi ha accompagnata fino a qui; parlo proprio della pagina dei ringraziamenti, quella che sta in fondo, ma anche all’inizio, dei libri che leggiamo.
Ho sempre avuto curiosità per questa pagina e quando ho pubblicato un libro me ne sono subito approntata una. Quando leggo i libri di King, o di altri autori che amo, leggo questa pagina prima di leggere il romanzo: mi intriga sapere chi è così importante da  meritarsi una menzione così onorevole. Continue reading “La pagina dei ringraziamenti”

Primo: controllare Sandrone Dazieri

SafariScreenSnapz025

Una delle prime cose che faccio ogni mattina quando apro il browser, è controllare la classifica di blogbabel. Una volta non mi interessava e all’inizio manco mi ero iscritta (e si vede dal numero che indica ‘sempre’ e che è troppo alto), poi ho preso la maledetta abitudine. Ora sono al quinto posto da tempo – in dicembre sono stata al terzo -, posto che spesso era occupato da Sandrone Dazieri, bravissimo scrittore e sceneggiatore. Così Sandrone è diventato la mia pietra di paragone per capire dove sto andando con il blog: se lo sorpasso potrebbe significare che ho scritto cose interessanti; a volte mi sorpassa lui e credo sia comprensibile.  Continue reading “Primo: controllare Sandrone Dazieri”

È davvero necessario scrivere?

braintraining01

Dopo tanti anni e tanta passione buttata nella scrittura e nei blog, mi accorgo che vivo benissimo anche senza tutto questo. Cosa che qualche anno fa non avrei creduto possibile. Stiamo parlando di cose immateriali: di quelle materiali si potrebbe fare a meno di quasi tutte. Ma la scrittura? Si sente dire spesso: scrivo perché non posso farne a meno. Perché? Come mai non puoi farne a meno? Che succede se non scrivi? Ti senti svenire, oppure cadi in una depressione tanto profonda da farti temere per la tua salute mentale? Continue reading “È davvero necessario scrivere?”

Non so cosa scrivere

gatto-libro

Tempo fa scrissi che la scrittura ha bisogno di muscoli e che va esercitata: se non si scrive, si perde l’uso della tastiera.
Poi dissi anche che smettere di scrivere è come smettere di fumare e la dimostrazione è che, ora che ho pochissimo tempo e trascuro anche il blog, non so più cosa scrivere.
Non mi viene in mente un solo argomento che potrei usare per scrivere un post, non parliamo poi di racconti o altro. Continue reading “Non so cosa scrivere”

“Perché non tengo un diario personale”

06_941-705_resize

Perché non mi interessa farlo. Non trovo niente di interessante nell’atto di scrivere per me stessa: a cosa mi serve sapere come mi sono sentita in una determinata circostanza? Se mi sono sentita male non ho bisogno di dichiararlo su una pagina che leggerò solo io: mi basterà ripensare all’episodio e saprò sempre, anche tra trent’anni, cosa ho provato. Se mi sono sentita molto bene, la sensazione sarà sempre con me, se uno mi fa incazzare non lo devo scrivere sul diario e se amo una persona non devo riempire una pagina di cuoricini e iniziali. Continue reading ““Perché non tengo un diario personale””