Che cosa scrivere quando non hai idee

C’è chi dice che gli accade spesso di mettersi davanti allo schermo e non sapere cosa scrivere. Tanto che dalle ricerche su google vedo che le persone che arrivano su questo blog, sono alla cerca di “storie da scrivere”.
Dimenticando che non basta avere una storia, bisogna anche saperla raccontare. Una storia ha bisogno di una solida struttura, di una voce narrante ben ferma, di uno stile maturo e, se si potesse, pure originale. Inoltre serve una conoscenza approfondita dei vari meccanismi di narrazione, delle tecniche con cui miscelare i tempi della storia, tra flashback e flashforwardanalessi e prolessi per chi parla come mangia, infatti sembrano due verdure al vapore -, figure che servono a sviluppare un buon intreccio nel racconto. Continue reading “Che cosa scrivere quando non hai idee”

Annunci

Il disagio della tecnologia – si parte

Come detto negli ultimi post, questo è l’argomento del nuovo gioco letterario: Il disagio della tecnologia.
Qualcuno ha obiettato: non saprei cosa scrivere, visto che io nella tecnologia ci sguazzo. Infatti, pure io ci sto benissimo. Il punto non è mai cosa noi proviamo per una situazione, un oggetto, un luogo, ma cosa la società sta facendo di quella situazione, di quella cosa, di quel luogo. Credo sia questo che noi dovremmo raccontare.

Ma abbiamo già parlato troppo: vediamo di metterci in moto 🙂

Il gioco parte oggi ma qualcuno si è già iscritto:

Carloesse
Cristina Bove
Banaudi Nadia
Luciana Ortu/Sara Talloru
Daniela Giorgini
Stefano Mina
Fausto Marchetti
Subhaga Gaetano Failla
Carlo Bramanti
Malos
Maurizio
Giovanni Venturi
Santo Cerfeda (se ho dimenticato qualcuno, ditelo)
*elenco in aggiornamento, aggiungerò man mano: iscrivetevi nei commenti a questo post. Continue reading “Il disagio della tecnologia – si parte”

L’ultima revisione

Investigatore

Possiamo fare dieci, venti, trenta revisioni, ma arriva sempre il momento in cui facciamo “l’ultima revisione”. E come lo capiamo che è l’ultima?
Ecco. Appunto. Non lo capiamo affatto.
Tempo fa, e credo di poter dire che sia stato un anno e mezzo fa, il mio socio e io abbiamo completato quella che credevamo fosse l’ultima revisione. Eravamo certi di avere eliminato ogni refuso, ogni frase superflua, ogni parola inutile. Avevamo la convinzione di avere sistemato parti carenti e limato quelle ridondanti.
Questo ci dava la certezza che il nostro testo, il romanzo a quattro mani che ci è costato tanto impegno, fosse perfetto – la perfezione che noi possiamo raggiungere, ovvio – e che fosse “pronto per la stampa”. Continue reading “L’ultima revisione”

Come indicare il silenzio nei dialoghi

74479387_73934296_012

Someone To Watch Over Me – Jack Vettriano

Ecco: questa pare una bella domanda*: Come si scrive il silenzio? E siccome un racconto scritto, è erede delle storie narrate a voce che si portavano in giro nel medioevo, “come si scrive il silenzio” è un ossimoro potente.
Tra l’altro il silenzio è componente fondamentale del lavoro di chi scrive – non a caso lo trovate nel titolo di questo blog – ed è a noi (a me di certo) molto caro. Continue reading “Come indicare il silenzio nei dialoghi”

Sviluppo di un racconto in un romanzo

il-brodo-di-verdura

Come si fa a trasformare un racconto in un romanzo?
Non sempre si può, si deve valutare. Ci sono racconti che contengono ben altro, e sta a chi scrive scoprirlo, e ci sono racconti che non si possono ‘allungare’ come si fa con il brodo, e anche con il brodo non è una buonissima idea. La roba allungata si sente, non ha il sapore pieno di quando era definita e corposa. Continue reading “Sviluppo di un racconto in un romanzo”

La forma per scrivere un libro

gioco-in-legno-forma

Quando facciamo una ricerca su google tendiamo ad abbreviare, condensiamo le frasi.
Chi ha digitato “la forma per scrivere un libro” voleva forse intendere la struttura? O voleva intendere lo stile?
Ricordo che questo post fa parte di questo ciclo e deriva dalle frasi con cui gli utenti arrivano a questo blog.

La forma del romanzo può essere intesa come il modo che usiamo per narrare: favola o novella ad esempio. I primi romanzi erano d’avventura e sono nati in Spagna.
(avrete notato che per me ‘libro’ è sinonimo di ‘romanzo’. ma anche se parliamo di un libro di racconti, dovremo comunque dar loro una forma e certe considerazioni sono valide per i due casi).
Ma la forma potrebbe anche essere la struttura: come divido i capitoli? come alterno le varie scene e come faccio parlare i personaggi? Continue reading “La forma per scrivere un libro”

I flashback come si scrivono? Tra le virgolette alte o si possono usare anche i trattini?

kensigton_flashback

Questa frase è stata digitata su google, come le altre che sono inserite in questo gruppo di post.
Seguite questo link e questo e le troverete tutte.

Torniamo ai flashback: ne ho parlato anche qui. Continue reading “I flashback come si scrivono? Tra le virgolette alte o si possono usare anche i trattini?”