Un agosto pieno di libri

D’estate si legge di più e io quest’anno – ma parlo solo di agosto – credo di avere battuto il mio record.
Non li ho contati, li conto ora insieme a voi:

Il gioco del mai di Jeffery Deaver
Il coltello di Jo Nesbø
L’enigma della camera 622 di Joël Dicker
Polizia di Jo Nesbø
Il cacciatore silenzioso (ancora da finire ma confido che entro lunedì lo sarà) di Lars Kepler

Per qualcuno cinque libri in un mese saranno pochi ma per me, che ultimamente leggo poco, quasi niente, è davvero un record.
Avrete notato che sono tutti romanzi di genere, nella fattispecie thriller. Sono tornata al mio vecchio amore: storie putride macchiate di sangue. Animi turbati e forse pervertiti, cattiveria e pazzia.
Jo Nesbø lo conoscevo già bene perché mi piace molto. Jeffery Deaver anche.
Di Joël Dicker non avevo mai letto nulla.
E Lars Kepler lo conoscevo solo di nome: mi è stato suggerito mentre pubblicavo le mie letture su facebook.

Veniamo ai ‘giudizi’:
Il gioco del mai mi è piaciuto. Non è il miglior Deaver ma è un buon libro.
Il coltello è un vero Nesbø: arrivi all’ultimo con il fiato mozzo, e anche un dolore, ma non dirò altro.
L’enigma della camera 622 poteva essere molto interessante ma non mi è piaciuto come è ‘raccontato’ – dallo stesso Dicker che interpreta un se stesso scrittore e cerca di svelare un vecchio omicidio – e la forzatura delle spiegazioni: troppe cose e troppo strane. L’ho comunque letto bene, con piacere. Non eccelso ma si fa leggere, si potrebbe dire 😉
Polizia ha la Palma d’oro del mese: piaciuto molto e pieno di sorprese fino all’ultimo. Harry Hole è imprescindibile.
Il cacciatore silenzioso è una bella sorpresa. Per ora mi piace molto – anche se la parte che ho letto ieri è molto ‘avventurosa’ e ho faticato a seguirla. Avrei voluto tagliarla ma immagino che sia necessaria e quindi vado avanti con la storia.

E voi, cosa avete letto?

13 pensieri su “Un agosto pieno di libri

  1. Anch’io in agosto ho letto cinque libri (ma uno lo avevo cominciato a maggio, era lunghissimo ed era un saggio):
    La stagione del biancospino di Riccardo Bruni
    Aurora nel buio di Barbara Baraldi
    Tre cadaveri di Raffaele Malavasi
    La ragazza che ascoltava De Andrè di Sandra Faè
    Spillover, l’evoluzione delle pandemie, un interessantissimo saggio pubblicato nel 2012 in tempi non sospetti…
    Di solito in agosto complice due settimane di ferie con pochi viaggi e molto caldo leggo di più e recupero molte letture 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Belle Letture, Giulia.
      Io sono poco ‘saggia’ ma quello sulle pandemie, forse…

      Anch’io in agosto leggo di più perché, se sono al mare, approfitto dell’ombrellone e mi dedico a una cosa che mi piace tantissimo e che ora, purtroppo, pratico così poco, e cioè la lettura.

      "Mi piace"

  2. “dallo stesso Dicker che interpreta un se stesso scrittore” mamma mia bella, ma non se lo toglie il vizio, eh? Nel grande caso editoriale usa la parola “grande scrittore” (ovviamente riferendosi a se stesso, era chiaro) un trilione di volte. Un testo ILLEGIBILE. E ha vinto pure un premio famoso, ne hanno fatto una serie TV. Sarà un po’ difficile smontare le idee che mi sono fatto sull’editoria visto che battono sempre sugli stessi tasti tutti.
    Pure io sto leggendo molto, ma i thriller non mi piacciono, sono cose che dicono tolgono il fiato e con Covid in giro preferisco tenermelo il fiato 😀 😀 battutona 🙂 .
    Buone letture.

    "Mi piace"

    1. Eh, Giovanni, io non lo conoscevo Dicker. Ma ora lo so 😉

      io vado matta per questi bei thriller pieni di ammazzamenti. Li avevo tralasciati ultimamente ma questi ultimi, a parte il caro Dicker, me li sono proprio goduti.
      Tieni il fiato, dai. Che serve sempre 🙂

      "Mi piace"

  3. Anch’io d’estate leggo molto di più, sotto l’ombrellone.
    Quest’anno – solo in agosto – ho letto diverse cose, ma anche leggere perché non avevo voglia di impegnarmi troppo con la testa 😀

    L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome di Alice Basso
    Quattro casi per Hercule Poirot di Agatha Christie
    Maledizione Caravaggio di Alex Connor
    Il giallo di Ponte Sisto di Max e Francesco Morini
    L’incredibile, prima di colazione di Carlo Lucarelli
    Odissea di Omero
    Straordinarie storie sui gatti di AA.VV.
    Le più belle storie sui cani di AA.VV.
    L’amore ai tempi del Covid 19 di Antonio Manzini e Il virus si deve battere di Stefano Bonaccini
    Il Centodelitti di Giorgio Scerbanenco

    Come vedete, dopo l’Odissea, mi sono dedicata ai racconti, brevi, brevissimi a volte. A giugno e luglio avevo letto altri 11 libri, tra cui La centesima finestra di Morena. 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Io leggo molto quasi tutto l’anno. Quindi agosto non fa un’eccezione.
    Forse sono più di cinque ma sono tutti di scrittori indipendenti. I cosiddetti celebri non mi attirano. Ho fatto un’eccezione con Dean Koontz, famoso in America quasi sconosciuto in Italia. La trilogia di Jane Hawk, spero che esca anche il quarto in italiano, perché leggerlo in versione originale richiede troppo tempo.
    Di Dicker ne avevo sentito parlare bene ma tu in un certo senso l’hai stroncato.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.