I due che salvarono il Natale

 

I due che salvarono il Natale, di Marco Fabbrini (ed. Graphe 2018, euro 10,90), è una storia natalizia a sfondo sociale che tanto (mi) ricorda la società che viviamo in questi anni, dove a favore del guadagno si tende a sottovalutare i rapporti umani.
Fabbrini ci porta in un bel paesino nel cuore della Toscana: tutti gli abitanti lavorano in miniera e la miniera diventa quasi “il cuore” del paese, anche se vive in contrapposizione con il paese stesso. Tutti si alzano e marciano per andare al lavoro, alla sera rientrano nelle case e stanno con la famiglia. Una vita sempre uguale se non fosse per l’avvicinarsi del Natale e della Vigilia (oggi) e della tradizionale sera delle fiaccole, una tradizione che unisce tutto il paese e coinvolge ogni minatore.
Ma quest’anno il signor Strege ha deciso che si deve lavorare anche la Vigilia perché ha delle scadenze importanti e le scadenze, si sa, portano denaro. I minatori scendono in rivolta, sono decisi a non cedere e a non farsi portare via la loro tradizione più importante quella che per loro significa Natale, e calore, e famiglia, e gioia.
Ma Strege non cede e chiede loro di lavorare.
La risoluzione del problema verrà da Mino, un ragazzo, e da Matilde, la figlia di Strege, che anche lei chiede calore familiare e meno dedizione al lavoro.
Una bella favola ma non solo: un insegnamento e un richiamo, una tirata di orecchie a chi cerca solo profitto. Il Natale deve essere soprattutto famiglia e Valori, non lavoro e soldi.
La scrittura di Fabbrini è precisa, senza sbavature e spero che si cimenterà presto in altre storie.

2 pensieri su “I due che salvarono il Natale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.