In Thailandia – tre

segue da qui…

“Non solo templi” potrebbe essere il titolo di questo post.
Dove si vede la vera essenza di un popolo? Al mercato.
E in Thailandia ci sono molti mercati particolari.
Iniziamo con la gita in barca sul fiume e ci inoltriamo tra i canali che ospitano il mercato galleggiante di Damnoen Saduak, dove le merci sono su imbarcazioni e su alcune ci sono in vendita anche cibi cucinati al momento.

Credo che questo mercato in particolare abbia perso il suo alone di ‘verità’ e sia ormai molto orientato ai turisti. È comunque pittoresco e vale la pena di farci un giro anche senza acquistare.

Il mercato che mi è piaciuto molto è, invece, quello di Maeklong, situato lungo i binari della ferrovia. E quando si dice ‘situato’ si intende a filo dei binari, come potete vedere. Si cammina sulle traversine della ferrovia e si sta attenti alla voce dell’altoparlante che annuncia l’arrivo del treno (ma anche se non sentite la voce, non vi sfuggirà perché vedrete i venditori che spostano le cose sporgenti e si apprestano a sollevare i tendoni). Il treno arriva comunque a velocità lentissima ed è uno spettacolo: dai finestrini c’è gente che fotografa chi è a terra e dai binari si fotografa il treno e i suoi passeggeri.

Inoltre, questo mercato, con merci proposte per la cottura e la cucina, mi sembra più destinato ai locali e meno ai turisti. Poi, che sia preparato come uno spettacolo, lo credo possibile.  Quando il treno è passato, si tirano giù i tendoni, si rimettono a posto le merci e si riprende la vendita. Quasi una metafora della vita. Bello. Merita.

Ci sono poi tanti mercati dei fiori, dove i colori si mescolano ai profumi e grandi sacchi di fiori vengono venduti per decorazioni. Si trovano anche collane già pronte e altre composizioni.

… segue…

 

Annunci

9 pensieri su “In Thailandia – tre

  1. Guardo il treno che passa il mezzo al mercato con tutte le cibarie esposte e penso… ad Alessandro Borghese che passa il dito sopra la cappa dei 4 ristoranti!! XD
    …e ogni volta che vedo una cultura così differente mi chiedo: siamo più felici noi o loro?

    Liked by 2 people

    1. Per tante cose sono più felici loro, Barbara. Sempre sorridenti e, all’apparenza, sereni.
      Comunque, quando il treno è passato non ci ho pensato, ma rivedendo le foto, con i cibi subito sotto… qualche domanda sorge 😉

      Mi piace

  2. Sono sempre stata affascinata da questo particolare che spesso ho visto in documentari o fotografie di turisti. Vederlo dal vero deve essere stato davvero molto d’effetto. Adattamento allo stato puro..

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...