La stragge – di Carlo Sirotti

presepe-nei-canali-di-comacchio

Aò, ma questo è matto.
A cche te riferisci?
A sta stragge de maschi che se so’ fatti stanotte. Nun hai sentito er bordellum, tutte ste guardie reali, le urla, i vaggiti, gli gne gne, li pianti disperati de matribus et patribus?
None, stavo a dormì. Ieri sera, con tutto quer vinum… Ho dormito come un pupum.
Bè, allora ci hai avuto culum: potevano sgozzà pure te! – Ridacchia, il primo soldato, e poi riprende: Guarda, mejo così, nun se poteva sentì: un gran postribulum che te avrebbe fatto piagne er corcordio.
E dichi che è stato eius?
Bè, dicunt che ii o iii fattucchieri da l’oriente so’passati alla reggia, co’ le scorte, li pacchi de doni e li cammelli, e j’hanno detto che ‘na stella li ha guidati fino ar loco che pare (aridicunt) che cce sia appena nato uno che sarà presto er Rex de tutta sta reggione, o de tutto er monno perfino!
Eh, esaggerato!
E lui, dice che s’è spaventato, che ci ha avuto paura de perde presto er trono, e sta cosa lo preoccupa un tantinello (por’anima) ecche doveva pure in quarche modo premunirse, difende er culum insomma. Sennò ‘ndove se va a sedè co’ quei suoi chiapponi magni?
Porellum!
Certo che so’ proprio bbarbari sti judaei, pijassela cum li parvuli!
E er nostro comandante che dice?
Dice che nun so’falli nostri, de lassalli fà, basta che nun ce rompano li cojoni a noi…
E a noi ce li rompono?
None, no, nun er Rex de sti judaei. E manco eius guardie. Questo se caga sotto solo se je lo nomini, er nostro Caesar. E a ejus je basta che je paghi i tribbuti. In fonno noi stamo qua pe’ difende ordinem et disciplinam. Ogni tanto quarche testa calda ce stuzzica, ma so’ ii morti de fame, e li pijamo presto e li mannamo in crocem.
E li sacerdoti der templum?
Bà, quelli contano quanto er ii de briscolae. Basta che nessuno je tocchi er Deum loro, li libbri sacri loro, e che er sabbato se ne stiano tutti calmi e boni, senza da fa’na minchiam. Ar sovrano je leccano anche er culum, se occorre.
Ma nun era sabbato ieri?
No che nun era. Tu te confonni. Ieri era domenica: quello è er giorno che semo noi a nun fa’na minchiam, e ‘nfatti la sera se semo ‘mbriacati tutti.
Ci hai raggione – Ci pensa un po’ su, e poi di nuovo: Comunque è matto.
Chi?
Sto sovrano, sto rex, come se chiama…
Come se chiama nun me lo ricordo mai, comunque mi sa che sta storia der parvulo che je frega er trono lo ha impressionato assai. – E dopo un po’: Certo je rode…

(Carloesse – Natale 2016)

*questo testo fa parte della pagina natalizia di Scriveregiocando

Advertisements

Un pensiero su “La stragge – di Carlo Sirotti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...