The danish girl

the danish girl

La storia vera di Einar Wegener, pittore paesaggista danese vissuto nei primi anni del ‘900, dapprima sposato con Gerda, pittrice anch’essa, e poi diventato Lili Elbe, sottoponendosi alla prima operazione chirurgica della storia per cambiare sesso. Prima di arrivare a capire chi voleva essere, chi si sentiva dentro, Einar compie un percorso durissimo, passando tra le mani di tanti medici che lo dichiarano schizofrenico, lo sottopongono a trattamenti per ‘calmare le sue parti cattive’, lo vogliono internare.
Il film è basato su sguardi, su sensazioni che passano nei movimenti delle mani, nell’espressione dei visi. Bravissimo Eddie Redmayne, in un’interpretazione da oscar, e molto brava anche Alicia Vikander, la moglie Gerda, che fa da contraltare alle emozioni del marito, riuscendo ad estrarne l’anima nascosta e a rivelarla.
Il film si muove tra Copenhagen e Parigi, con una fotografia meravigliosa, paesaggi di superba bellezza e geometrie cittadine più spigolose, come era la mentalità dell’epoca (be’, dell’epoca…).
La narrazione è basata sui diari scritti da Einar/Lili nel periodo di trasformazione, e riesce a dare un alone di verità alla storia, uno squarcio in cui ci lascia entrare e intuire il rodimento interiore di un’anima che non si riconosce nel corpo che le è stato attribuito.

Alla fine è anche un film un po’ triste: il tormento interiore altrui si infila nel nostro tormento, anche per non essere persone migliori, e si appoggia sul peso di una società che spesso non capisce gli altri. Certe storie vanno raccontate. In questo caso, il risultato è anche un bel film.

10 pensieri su “The danish girl

  1. Ciao Morena, ho visto ieri il film e l’ho trovato molto toccante. Penso che il regista sia riuscito benissimo a rendere i contrasti interiori sia dell’animo di Ainer, sia di quello di Gerda: cosa non semplice, credo, se si considera che quella di Ainer è stata la pima operazione di questo genere in assoluto.
    Dal punto di vista della fotografia, non c’è proprio nulla da dire: i paesaggi sono splendidi! È comunque un film che dopo ti porta a riflettere; non soltanto su quello che si è appena finito di vedere, ma anche sulla situazione e i sentimenti di chi, oggi, affronta un passo del genere.
    Insomma, in definitiva sono rimasta piacevolmente colpita.
    Ti auguro una piacevole serata.

  2. Ho visto il libro in questi giorni e mi ha subito attratta, sapendo che c’è anche il film, ammetto che mi incuriosisce e se riesco penso proprio che andrò a vederlo!
    Ciao, Pat

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...