Sabbia – di Maria Rosaria

addobbi-con-sabbia-e-conchiglie

– E tu chi sei? Che vuoi?
– Sono Samir e sto solo guardando la vetrina di questo negozio. E’ tuo?
– Sì, dei miei genitori. Ti piace?
– Molto.
– Mamma è stata molto brava a decorare questa vetrina per il Natale. Io l’ho aiutata solo un pochino per i giocattoli. Vuoi comprare qualcosa?
– No, non ho soldi. Se li avessi, comprerei quell’aliante rosso e blu e quella palla di vetro con la sabbia.– L’aliante è fantastico! E’ radiocomandato, vola sino a 50 metri d’altezza e poi plana che è una meraviglia. La palla con la sabbia del deserto non mi piace tanto, ce ne sono di più belle e scintillanti. Guarda quella con le sferette argentate: è tutta un luccichio!
– Un luccichio di plastica. Tu non sai quanto sa essere luminosa la sabbia del deserto quando il sole la infiamma: tremendamente accecante!
– Conosci il deserto? Sei un migrante?
– Sì, sì e mi manca tantissimo la sua luce. Quella palla, illuminata dai vostri faretti, un po’ me la ricorda. Quando sono salito sul barcone, avevo una tasca piena della sabbia del mio deserto, volevo portarla con me, ovunque riuscissi ad approdare, ma le onde cattive del mare me l’hanno rubata insieme a tante altre cose.
– Anche qui abbiamo la sabbia, basta andare sulla spiaggia.
– E’ diversa, non ha il colore, la finezza, la brillantezza abbagliante e feroce della mia sabbia.
– Non eri felice con la tua sabbia?
– Lo ero; lo ero quando l’accarezzavo, quando mi ci rotolavo dentro coi miei fratellini, quando al tramonto ammiravo i suoi  colori e ascoltavo le storie che i miei nonni raccontavano. Ma ero anche affamato, impaurito dai tiranni, malato, senza futuro.
– Pensi di trovarlo qui un futuro?
– Bah, non so, non so bene dove, ma dovrà esserci in questa Terra un posto anche per me!
– Sì, ci sarà un posto anche per te, dove vivere senza paura. Lo troverai. Ma adesso sei qui, in questa vigilia di Natale sei davanti al negozio dei miei genitori e, perché tu possa sempre ricordare, permettimi di regalarti questa pallina di vetro e sabbia. So che è poca cosa, solo per augurarti Buon Natale.
– Grazie, auguri anche a voi!
– Domattina noi ragazzi ci riuniremo al campo del calcetto per gli auguri, per tirare due calci e mangiare un dolcino. Se vorrai, potrai unirti a noi.
– Dici sul serio? Non so giocare a calcetto.
– Dico sul serio. E si può, e si deve, sempre imparare. Da ogni parte.
– Vero. E si può, e si deve, anche riprendere a festeggiare il Natale. In qualsiasi situazione.
– Quindi ci sarai?
– Sì, ci sarò, certo che ci sarò!Maria Rosaria (Marirò)

*Anche questo testo fa parte della pagina natalizia di scriveregiocando.

3 pensieri su “Sabbia – di Maria Rosaria

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...