Metodologia per la scrittura di un romanzo – secondo

IMG_2471

Continuo (qui il primo post sull’argomento) con queste mie riflessioni sulla scrittura di un romanzo. Abbiamo esaminato i comportamenti dei personaggi di fronte a certi accadimenti che abbiamo in mente per la nostra storia. Ancora non stiamo scrivendo, se non appunti e abbozzi di scene. La stesura vera deve ancora partire.
Abbiamo i personaggi (su quelli stiamo ancora lavorando) e la storia a grandi linee, non quella decisa e perfetta che avremo dopo.
Un aspetto molto importante è sapere dove ambienteremo la storia e quando.

  • Dove: in che città e paese. È una città vera o inventata? Com’è il paesaggio di questa città? Se la città è reale (è una nostra scelta) e non è la nostra, potrebbe essere necessario documentarsi: se parliamo di Genova e un nostro lettore trova la poesia di Caproni abbinata all’ascensore di via Montello anziché allascensore di Castelletto, chiuderà il nostro libro e magari ci scriverà pure una mail con brutte parole.
  • Quando: siamo nel 1700 o, come piace a me, nel 2015? Se la storia è contemporanea deve puzzare di tecnologia, di social, di auto moderne, di lavori, quando ci sono, adatti. Può anche non avere nessuna di queste cose, ma il sottofondo è quello. Se siamo nel 1700, dobbiamo documentarci: non c’è niente di peggio che mettere  un forno a microonde nella cucina di un monaco benedettino che vive in quegli anni. No, di peggio c’è mettere il reggicalze a suddetto monaco (un po’ perché il reggicalze non era stato ancora inventato e un po’ perché snatureremmo l’anima del suddetto, cosa che, quando si fa, occorre motivare, ricordiamoci).
    Ma il ‘quando’ nel nostro romanzo, implica anche una data del calendario: in che mese inizia la nostra vicenda? Non sottovalutiamo questo aspetto: le condizioni meteorologiche possono essere utili alla storia ma, soprattutto, devono essere coerenti. Non si fa nevicare in maggio in pianura. Oppure sì, ma anche qui va motivato. E, oltre al tempo meteorologico, ogni mese ha altre cose che lo caratterizzano: ad esempio, questo giugno sto mangiando molte ciliegie, cosa che non posso dire di altri mesi.

Come faccio io a scegliere il ‘quando’? Di solito, se inizio a scrivere oggi, la mia storia inizierà in giugno 2015. Ora, la storia che ho ripreso (che forse riprenderò), iniziata molti anni fa, era stata iniziata in maggio e lascerò quel mese. L’anno, manco a dirlo (ça va san dire, per chi volesse essere trendy), sarà il 2015: la storia andava bene nel 2001 e andrà bene anche nel 2016. Non è così marcatamente tecnologica da essere fuori moda: la mia protagonista ha solo due cellulari (per esigenze imposte da me) e non importa che siano smartphone. I social non li frequenta (mi pare ma ancora non posso giurare nulla), ma usa il microonde e mi pare indossi il reggicalze in certe occasioni.
Scegliere il mese è importante: quando scriveremo che sono passati due mesi, sapremo di essere in agosto e ci ricorderemo che forse qualcuno prenderà le sue ferie. Di certo, potremo scrivere che farà molto caldo (ma non è detto: vedi foto sopra) e sapremo cosa fare indossare ai nostri personaggi. Il mese è importante anche se non lo menzioniamo nel romanzo: farà in modo che ci siano cambiamenti nella stagione, nei cibi, negli abiti, e ciò potrebbe dare più ‘movimento’ al testo. Inoltre, un bell’acquazzone può risolverci un capitolo, ricordiamolo.

* foto ©Morena Fanti – “Temporale d’agosto al mare”

* e oggi è lunedì: un giorno in anticipo 😉

Annunci

3 pensieri su “Metodologia per la scrittura di un romanzo – secondo

  1. Bel post, mi trovi perfettamente in linea con il tuo pensiero.
    Aggiungerei una difficoltà, se come me ambienti il romanzo in un luogo fantastico, allora devi perdere un po’ di tempo a scoprire l’ambiente che si sta modellando, pianure, montagne, foreste, animali; insomma bisognerebbe riuscire a vagabondare tra quelle terre!
    😀

    Mi piace

  2. Ultima cosa, appuntatevi tutto, ma fate copie di back up… io ho lasciato tutti quei preziosi appunti su un file di testo nel vecchio tablet… che si è rotto e ho perduto tutto irrimediabilmente!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...