Il motore di ricerca è la risposta alla pigrizia

trad46*

Se non guardate le statistiche del blog (parlo di wordpress, degli altri non so), fatelo subito. È una sana abitudine quotidiana che può suggerirvi nuovi argomenti per i vostri post e discussioni, e che può perfino rallegrarvi la giornata. Le frasi digitate su google o altri motori di ricerca sono decisamente bizzarre: a volte mi fanno ridere e altre mi angosciano perfino.
Ma, per la maggior parte, mi paiono ‘curiose’ e mi soffermo a ragionare; mi chiedo come sia possibile affidare al motore di ricerca simili questioni. Una delle più presenti nel mio blog, oltre alle domande sulla scrittura, è:

  • Un ragazzo quando chiama una ragazza tesoro cosa significa?* (a parte che io scriverei “Cosa significa quando un ragazzo chiama tesoro una ragazza?), domanda che una volta avremmo rivolto all’amica del cuore e che ora affidiamo a google. Ne ho parlato anche alle ultime presentazioni e ho suscitato curiosità: ci si chiede chi abbia formulato questa domanda e come mai. Ma tant’è. Oggi ci affidiamo solo a internet.

 

*La domanda approda nel mio blog grazie al mio libro di racconti Un uomo mi ha chiamata Tesoro, ed è spiegabile grazie alla quarta di copertina, da cui copio qualche frase: “Esistono tanti motivi per cui un uomo chiama “tesoro” una donna, e spesso questi motivi non hanno niente a che vedere con il significato della parola. Usiamo le parole come se non avessero un senso e, così facendo, le sviliamo di significato. Cosa significa quando un uomo ti chiama ‘tesoro’? A volte non vuol dire nulla, e altre volte la parola nasconde una richiesta o rappresenta un’azione che è il contrario di ciò che dovrebbe essere.” (quindi, queste ragazze, o donne, fanno bene a interrogarsi sul significato di ‘Tesoro’ detto dal loro uomo: non sempre significa ciò che sembra).

Ma ci sono anche domande a sfondo culturale, tipo:

  •  “il significato del padre in Eveline, il bellissimo racconto di Joyce. Questa domanda una volta avrebbe richiesto la (accurata) lettura del testo e magari una breve ricerca in biblioteca; ora, con un click, arrivo in un mare di post che trattano di Evelyn e aggiro l’ostacolo lettura e ricerca.

E domande da agente con licenza da 007:

  • Come avere un diario segreto? Una domanda che si autorisponde.

E domande che non credevi di ascoltare mai:

  • foto del tramondo al mare che significato ha? (non commento nemmeno)

** per una volta in cui volevo usare un’immagine che  non fosse delle ‘solite’ e cioè i Peanuts (quando penso a Charles Schulz mi tolgo sempre il cappello), ho trovato questa con Sally e non ho potuto evitare 😉

Annunci

4 pensieri su “Il motore di ricerca è la risposta alla pigrizia

  1. Credo di saper rispondere a tutte le tue domande (mi metto gli occhiali, aspetta): il primo è sicuramente arrivato da te perché cercava frasi sul significato dei comportamenti dei ragazzi da mettere in bocca alla migliore amica della protagonista (quella saggia) del suo primo romanzo inedito autobiografico che sta scrivendo (non voleva scoprirsi cercando “romanzo inedito autobiografico come si scrive”); il secondo ha fatto copia/incolla della domanda del compito in classe per scoprire come mai ha preso un brutto voto; il terzo è rimasto sul vago, purtroppo, non si capisce se vuole procurarselo già scritto o se ha dimenticato di aggiungere “gratis” alla fine; l’ultimo ha senz’altro sognato una foto di un tramonto al mare, e cerca di capire perché. 😀
    Le chiavi di ricerca sono sempre uno spasso!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...