Presto online un corso per evitare i corsi online

Web-Course

Occhiello: “La cultura si sposta sul web. Chi vuole imparare ora ha nuove opportunitĂ  e la Rete può diplomare ogni tipo di pesce”.
Catenaccio: “Internet è un fermento di corsi. Se ne propongono per ogni cosa e, se mancano le occasioni, si creano nuovi spunti ad hoc. Ma c’è giĂ  chi pensa a una contromossa”.

Basta guardarsi in giro, leggere le notizie sui social, osservare la pubblicitĂ  quando si visita un sito o un blog: i corsi online impazzano ovunque, in ogni ambito. E se pensate che siano solo corsi per studenti fuori corso, sbagliate: l’immagine indica che si può ‘studiare’ (rigorosamente dal divano di casa) per diventare sub! Eccezionale, no? Continua a leggere “Presto online un corso per evitare i corsi online” →

Autopubblicazione: come iniziare

self-publishing-small

Ci sono alcuni passaggi obbligati per arrivare a una buona autopubblicazione, ma prima mi pare doveroso chiarire le varie modalitĂ  con cui si arriva a pubblicare un proprio testo.

  • C’è il modo classico: un editore accetta il vostro lavoro e decide di investire su di voi, pratica ormai lontana come il posto fisso a cui non siamo piĂą abituati.
  • C’è la EAP, editoria a pagamento, vituperata e odiata da molti ma ancora in uso: un editore si innamora del vostro testo e vi paragona ai grandi autori. Dopo avere ottenuto la vostra stima, vi fa una proposta alla quale rinuncerete solo se aprite gli occhi in tempo. Faccio notare che gli editori possono chiedere pagamenti anche in modo subdolo, proponendovi acquisto di copie o altro, quindi non basta dire che non avete pagato per la pubblicazione se poi avete acquistato 200 copie del vostro libro.
  • C’è infine, last but not least, il self-publishing: l’autore decide di diventare editore di se stesso e pubblica il proprio lavoro in formato digitale e lo vende sul web, proponendolo sui principali store, tipo Amazon, bookrepublic, kobostore ecc.

Continua a leggere “Autopubblicazione: come iniziare” →

Il Natale arriva sempre all’improvviso

SafariScreenSnapz011

Non è presto (lo screenshot indica che mancano SOLO 64 giorni al Natale); quest’anno sono in palese ritardo per la nostra solita chiamata alle penne. Come sanno tutti, e se non lo sanno lo scopriranno ora, tutti gli anni preparo una pagina natalizia (questa è la pagina del 2013) e chiedo ad amici vecchi e nuovi di mandarmi testi, racconti brevi, poesie, foto, riflessioni e altro in tema natalizio.
Orbene: cosa si può classificare come “tema natalizio”? Continua a leggere “Il Natale arriva sempre all’improvviso” →

La centesima finestra – la crisi di Dario

giardino sant'Orsola Bologna

Continuo con gli assaggi del mio ‘romanzone’: dopo avere pubblicato la pag. 97  (lo sapete cosa si dice della pag 97 dei libri, no?) e la lite tra Annalisa e Paolo (il post piĂą letto nelle ultime settimane), pubblico uno dei miei brani favoriti, che mi suscita sempre forti emozioni. Come si legge nei ringraziamenti in coda al romanzo, per scrivere cartelli ‘veri’, mandai un’amica, Paola Minghetti,  (che oggi è in ospedale e che leggerĂ  quando uscirĂ  dalla sala operatoria) durante la pausa pranzo a copiare tre cartellini degli alberi sotto al suo ufficio (AGEOP). Si è parlato di quanto sia importante sapere se i cartellini sono ‘veri’. Per me lo era allora e lo è ancora oggi. Ho visto Dario che piangeva attaccato a quella magnolia e forse l’ho scritto così proprio perchĂ© sentivo l’ambiente. Chiunque passi dal giardino dell’ospedale Sant’Orsola può vedere e ricordare la sua ansia. Continua a leggere “La centesima finestra – la crisi di Dario” →

La strana urgenza della rete

aiuto

 

Capita a volte di leggere alcune cose che paiono appelli alla popolazione*: ho bisogno di quello, mi serve quell’altro, se non ho quella cosa soccombo, se non mi arriva quell’altra mi verrĂ  un malore.
Si possono leggere spesso in pubblico sui social e si leggono a volte in privato in qualche sporadico messaggio (sporadico per me, ma presumo che molti ne facciano largo uso) queste frasi. La gente ti chiede aiuto, consulto, finanche lavoro gratuito. Poi accade che tu, per gentilezza e perchĂ© ti dispiace sapere qualcuno in difficoltĂ , in quella che pare un’enorme difficoltĂ , dica: “Ok. faccio io”. Mandami il testo”, “Chiedi pure”, “Ti do una mano”. Continua a leggere “La strana urgenza della rete” →

Marettimo: un’oasi di bellezza e serenitĂ 

Ci sono luoghi che non hanno bisogno di nulla, che sono giĂ  completi soprattutto se l’uomo non vi mette le mani. Marettimo, la piĂą occidentale delle Egadi, si propone come un’isola/oasi di serenitĂ  e bellezza. La natura è stata magnanima con quest’isola, pur nella sua asprezza e rudezza. La montagna sovrasta il mare e rende i percorsi faticosi ma suggestivi. Inserisco una galleria per condividere qualche angolo di questa bellezza.

*per chi vuole approfondire la conoscenza dell’isola segnalo il sito ufficiale di Marettimo Continua a leggere “Marettimo: un’oasi di bellezza e serenitĂ ” →