Cartaceo vs ebook

oconnor

Credo di avere già detto qualche pregio della lettura digitale: meno peso da portarsi in borsa per leggere mentre si attende in anticamera dal medico, meno peso in valigia durante un viaggio aereo, facilità di lettura a letto prima di dormire – se già vi affaticate a reggere un libro di 800 e più pagine, come potrete rilassarvi nel sonno? -, velocità nei traslochi – nell’ultimo, dopo avere regalato ad amici e parenti borse di libri, ho preparato decine di scatoloni e ho dovuto spolverare e collocare di nuovo i volumi nelle librerie.
Oggi, dopo avere cercato Sola a presidiare la fortezza per quattro giorni, ne aggiungo uno (pregio): velocità nel reperire un libro e forse anche la frase che vi aveva colpito durante la lettura – se l’avete evidenziata in una nota, trovarla sarà un gioco.
Durante la mia ricerca ho trovato decine di libri di cui non ricordavo l’esistenza, ho capito che ci circondiamo di ‘roba’ a volte inutile e così quando cerchiamo una cosa che ci serve non la vediamo in mezzo al caos dei colori e dei titoli. Ho accumulato ancora dopo il trasloco e ho già dei volumi stesi sopra agli altri. Sto valutando una nuova pulizia.

* il libro della O’Connor mi serviva per una frase che collocherò (forse) nel prossimo post, che è in gestazione da quattro giorni.

* ricordo a chi interessa che abbiamo in sospeso il ‘gioco dei blog‘. Lo continueremo presto. State in campana (stay tuned: traduco per i non bolognesi)
questo è il link in cui trovate tutti i post partecipanti

Annunci

4 pensieri su “Cartaceo vs ebook

  1. Eppure nonostante tutto a me piacciono ancora i libri in cartaceo, ma dovrò decidermi prima o poi per gli ebook, perché non so più dove metterli e mi ritroverò presto sul balcone a dormire per fare posto ai libri!!
    Buon fine settimana cara Morena.
    Ciao, Pat

    Mi piace

  2. Non mi ha mai attirato l’ebook..sarò un romantico che vive nel passato ma trovo sia una delle cose più belle passare un’ora in una bella libreria a spulciare libri, e sensazione ancora più bella uscire con un nuovo libro che potrai toccare, sfogliare sentendo l’odore della carta ancora nuova, annotarci qualche pensiero e quando verrà il momento rileggerlo come a ritrovare un vecchio amico.
    Un saluto!

    Mi piace

  3. sono combattuta.
    tra l’odore della carta, il bello di avere il libro “oggetto” tra le mani, che puoi finire di leggere senza pensare “cazzarola mi sono scordata di ricaricare le batterie…” dove dentro ci trovi la cartolina, il biglietto del treno, o del bus di quel giorno che lui (il libro stava con te)
    e la praticità di avere più spazio e meno acari… anche Sepulveda dice che quando compra un libro, lo legge e poi lo regala perché la conoscenza deve girare… è che io mi ci affeziono… boh…
    ninzò…
    (ah… adesso il mio commento t ha cambiato la giornata dì la verità 🙂 )

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...