I racconti di “Un uomo mi ha chiamata Tesoro”

Prima_Cop_Uomo-omAscoltando i Tg di ieri e le notizie infauste che ci hanno raccontato, dove sono protagonisti uomini che di certo hanno chiamato “tesoro” le loro donne (non entro nel merito delle faccenda perché troppo dolorose per sopportarle e comunque sapete tutti di cosa sto parlando), le stesse che poi hanno ammazzato, tradito, offeso, ho ragionato di nuovo sul contenuto del mio libro, sui racconti che ho scritto.
L’impronta che ho dato ai miei testi non è volutamente maschilista, non avevo in mente di scrivere un libro sulle donne maltrattate e su uomini violenti e malvagi. Non era quello il mio intento.
Volevo mostrare come si usino le parole in modo improprio e come le persone dicano una cosa e, con i fatti, ne dimostrino un’altra.
Inoltre è evidente che possano anche esistere uomini maltrattati e donne violente, anche se mi pare siano in percentuale molto minore. Perciò ho inserito nel volume anche un racconto in cui una donna “frega” un uomo: i miei racconti si possono leggere in tutti e due i sensi, e sessi.
Finora ne ho parlato poco, quindi ora dirò qualcosa di ognuno di loro.

Chissà se Claudia ha le rughe intorno agli occhi  – uno degli ultimi che ho scritto. Siccome inizia con una frase forte, l’ho inserito per primo. Per dare il benvenuto al lettore e fargli capire che aria tira. Soddisfatta di come è riuscito. Uno dei migliori a mio parere. Drammatico e sincero.
Non ̬ successo niente Рla rivisitazione di un racconto che scrissi anni fa in risposta al racconto di una blogger. Si intitolava Dice lui e si trova anche su questo blog.
La famiglia perbene  – di questo non dico nulla: lo potete leggere, integrale, al link.
Da bambina – perché ‘tesoro’ ti chiama anche il primo uomo della tua vita e di solito è sincero.
Mutande – l’adattamento di un vecchio racconto, di quando facevo esperimenti e scrivevo frammenti in divenire. E infatti questo frammento è diventato racconto. A indicare che questo libro è iniziato tanti anni fa. E poi il racconto ha un incipit che mi piace molto.
Di pancia – uno dei migliori racconti del libro. A mio parere sta una spanna sopra gli altri. Totalmente diverso, originale e psicotico. O piace, o non si comprende.
Oggi un uomo mi ha chiamata tesoro – il primo racconto che scrissi, ispirato all’atmosfera e alla scrittura del racconto “Fortuna sfacciata” di Helen Fielding, proprio l’autrice de Il diario di Bridget Jones. È un racconto ironico, un po’ sopra le righe, e aiuta ad allentare la tensione durante la lettura. Il giusto intermezzo a metà volume.
Va tutto bene – una madre anziana e un figlio che la trascura. Quando lui la chiama ‘Tesoro’ lei si convince che è un buon segno.
La finestra grigia – questo non poteva mancare. La “finestra grigia” è quella del messenger ante facebook e tutti la conosciamo. Non potevo evitare di inserire un racconto sulle chat. E l’incipit è quel testo Vorrei chiamarmi asfodelo che scrissi una mattina in una sala d’attesa del sant’Orsola. Qui la gestazione del racconto e il link al testo di Asfodelo.
La prima volta Рbeh, questo racconto ̬ una chicca, un divertissement che rovescia i punti di vista. Non anticipo nulla.
A tempo indeterminato Рuna precaria con un superiore che approfitta del suo lavoro. Attuale, purtroppo, e amaro come il caff̬ della mattina.
Il viaggio – un nonno irriducibile con gli occhi chiari e la testa dura, e una nipote che ama la madre. Anche il nonno chiama ‘tesoro’ la nipote ma non vuole saperne di abbandonare l’orgoglio.
Ieri un uomo mi ha chiamata tesoro – il secondo che ho scritto, brevissimo, con personaggi che mi sono cari. Non ricordavo di averlo anticipato qui.
Mi fido di te – e a volte si fa male a fidarsi, n’est ce pas?
Addio Рun altro frammento della serie in divenire. Perch̩ ci sono tanti modi di usare violenza senza usare le mani.
Preferisco Matteo – un racconto medio lungo, articolato tra le emozioni e l’ambivalenza. Non male.
Legame d’amore –  questo è nel blog. Ho modificato qualcosa ma il senso era forte e ben congruente con il resto. Quindi l’ho inserito.
Raya andò sola – racconto extra raccolta perché Raya non ha uomini che la chiamano ‘tesoro’. E per questo sta di diritto nel libro. Buono.

Annunci

2 pensieri su “I racconti di “Un uomo mi ha chiamata Tesoro”

  1. Sicuramente un libro molto intenso, con racconti che non si discostano dalla realtà, ma la fanno vedere con occhi diversi, cioè più attenti, più coinvolti!!! In bocca al lupo per questo tuo libro che merita tanto!!
    Pat

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...