La ‘punteggiatura’ nei dialoghi

errori-da-correggere

Uno degli argomenti più ostici: come si definisce e mostra un dialogo?
Non dico “come si scrive”, argomento ancora più difficile e non ‘insegnabile’ a mio parere, ma almeno presentiamolo a modo ‘sto dialogo!
Scegliere tra virgolette alte, trattino e ‘caporali’ (virgolette basse che non si fanno (NON) con questi orribili segni come mi è capitato di vedere: << per l’apertura e >> per la chiusura).
Orribili. E c’è chi li mette anche in un testo serio da presentare a un editore.
Le caporali sono queste: « per l’apertura, e » per la chiusura. Ogni pc ha dei tasti combinatori per crearle, compreso il Mac (ovvio. Anzi, il Mac li avrà creati prima degli altri) :).
Se non sapete quali sono, fate una ricerca e scopritelo. Nel mio Mac premo alt + 1 e creo «, le caporali d’apertura, premo alt + Maiuscole + 1 per le caporali di chiusura: » Continua a leggere “La ‘punteggiatura’ nei dialoghi” →

Il libro della vita

pb2cjti2jf5

Ripercorro pensieri,
strade già vissute,
giorni di fiele
e lacrime di miele,
nel libro dei miei passi.
Pagine brutte
e stropicciate,
graffiate
e macchiate. Continua a leggere “Il libro della vita” →

Iniziare un libro è come progettare un bagno nuovo – fase quattro

bagno-country

Nella fase tre abbiamo studiato cosa abbiamo già in nostro possesso – un bagno da ristrutturare, con tubature già rifatte, e ambientazione ‘casa di campagna’* -, abbiamo visitato i vari negozi di piastrelle (libri letti e autori che amiamo) e valutato le possibilità. Quindi abbiamo optato per un pavimento di cotto, ancora da trattare, e rivestimento bianco (un classico che non stanca ma che non infiamma, pensateci prima di ordinare) con greca in cotto dall’aspetto rustico che ben si coniuga con l’ambiente. Continua a leggere “Iniziare un libro è come progettare un bagno nuovo – fase quattro” →

È anche una gran puttana

РLa vita ̬ strana.
– E anche una gran puttana – disse Mary accendendosi la terza Lucky della mattina. Guardò Dolores negli occhi e aggiunse: – Chiede sempre un prezzo troppo alto e non fa neanche quello che le chiedi. Una grandissima puttana, sì.
Dolores annuì in silenzio. Quando Mary parlava così non osava interromperla. Le mutande, però, le davano fastidio e le sistemò con una mano muovendo il culone sulla sedia. Continua a leggere “È anche una gran puttana” →

Solo un petalo

petali-di-rosa-_O1

La sabbia era fresca sotto i piedi, e molto piacevole mentre la sentiva cedere sotto i suoi passi, come un’amante morbida e arrendevole che si adatta ai tuoi desideri.
Poteva immaginare le orme lasciate, ma non poteva vederle perché la notte era blu ed era illuminata solo dalla luna, tonda e argentea nello scuro del cielo.
Avanzò fino quasi al bagnasciuga e camminò parallela al mare su un’immaginaria linea di confine che divideva l’asciutto dal bagnato, come il sicuro dall’incerto, come il bene dal male. Così si figurava quella linea e così cercava di stare in equilibrio esattamente nel mezzo per non cadere da una parte o dall’altra. Continua a leggere “Solo un petalo” →

Laggiù – un inedito di Marco Guerrina

alba sul mare del Messico

Laggiù

non eludo, interseco
l’alba che induce al mare
la sua corsa
prima bianca. scintillante
poi densa, accesa.
Un indugiare mi accoglie
come una perduta
parola
e senza un sostegno – amareggia
laggiù, quando il sole è alto
una traccia di orizzonte. Continua a leggere “Laggiù – un inedito di Marco Guerrina” →