Il succo del discorso

Succo-di-melograno

“C’era questo tizio, no, vestito di verde, che se ne andava in giro come se fosse il padrone del mondo. Aveva due piedi enormi, forse un 46, e le gambe lunghe. Camminava un po’ storto, come se una gamba volesse andare da una parte e l’altra dalla parte opposta. In mano aveva un pacchetto, una cosa tipo quei vassoi di pasticceria, quelli legati con il cordino rosa che forma un’asola che ci puoi infilare il dito e reggerlo mentre cerchi le chiavi in tasca e apri la porta.”

E via così per cinque minuti, o tre pagine (se si sta scrivendo, anziché parlando).
Ok, ma cosa faceva ‘sto tizio? Cosa stiamo raccontando?
Dove vogliamo andare a parare?

Arriva un certo punto, nella storia, dopo tante pagine e qualche capitolo, in cui dobbiamo farci questa domanda.
All’inizio va tutto bene: raccontiamo di questo tizio, lo vediamo muoversi e fare delle cose, incontrare persone, agire. Ma dobbiamo chiederci cosa stiamo facendo. Cosa vogliamo dire con la storia? Abbiamo un punto specifico in cui arrivare? Un punto che abbia qualcosa da dire al lettore.
Queste sono domande importanti, punti da chiarire.

Non si può procedere a caso. Certe volte ci viene in mente una scena divertente e pensiamo “Questa è bella. La potrei raccontare”.
Ma scrivere romanzi, o racconti, non è come raccontare barzellette al bar.
La nostra storia deve avere qualcosa dentro, fosse anche un nulla cosmico, ma in questo caso dobbiamo essere molto bravi. Ancora più del solito. Raccontare il nulla non è per tutti.
Ritorniamo con i piedi sulla terra; abbiamo una storia e la vogliamo scrivere.
Si parte così, ma dopo poco dobbiamo interrogarci sul motivo di questa nostra scrittura. Vogliamo dimostrare qualcosa che ci sta a cuore: spesso è questo il motivo della scrittura. Dobbiamo, perciò, indirizzare le nostre parole verso la direzione che crediamo giusta per questo scopo.
Se non troviamo la direzione, la storia potrebbe anche essere destinata al naufragio. Molti autori hanno una cartella piena di file con idee abbozzate e mai veramente partite. Navi mai varate.

Annunci

Un pensiero su “Il succo del discorso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...