Il diavolo, certamente

Il-diavolo-certamente-di-Andrea-Camilleri

Il diavolo, certamente
Andrea Camilleri

Mondadori, 2012

Questo è il secondo libro di Camilleri, edito da Mondadori, che rivela un autore diverso da ciò che conosciamo.
Ma questo mica l’ho comprato, memore della lettura deludente di Un sabato con gli amici (di cui credo di avere parlato nel blog, ma ora non trovo il riferimento. E comunque, me lo regalarono, ma devo dire che l’avrei comprato. Non ho attenuanti).
Premesso che davanti a Camilleri mi tolgo sempre il cappello (ora non l’indosso, ma è come se l’avessi. tra l’altro, con i cappelli sto da dio), qui non ci siamo proprio.

Continua a leggere “Il diavolo, certamente” →

La pelle dell’orso

la pelle dell'orso

La pelle dell’orso
Matteo Righetto

Guanda, 2013

Quando l’ho aperto (preso d’impulso in biblioteca) e ho letto la seconda di copertina*, ho pensato che il romanzo di Matteo Righetto fosse una storia alla McCharty, una storia tipo La strada.
E quelle parole “racconto folgorante di una formazione” mi hanno fatto prudere le braccia. A volte si abusa degli stessi uguali termini e si finisce per dire sempre le solite quattro cose. E i romanzi di formazione mi suscitano un po’ di allergia.
Ho iniziato a leggere e la lettura è scivolata via veloce: Righetto ha una bella scrittura, fluida e comprensibile, pur mantenendo uno stile non banale con qualche gradevole volo pindarico: “Il mattino era già maturo e il sole percolava dalle alte chiome dei pini in fasci di raggi che sembravano cilindri di luce bianca”, Continua a leggere “La pelle dell’orso” →

Passeggiata estiva

379px-Giovanni_Boldini_The_Summer_Stroll

Il mattino ha l’oro in bocca si dice, ma piuttosto il mattino ha l’aria più fresca (del pomeriggio, che senza il confronto non si può dire sia fresca). Quindi il mattino in questi mesi è più propizio alle passeggiate.
Si incontra della gente e si vedono delle cose, proprio tipo “ho fatto cose, visto gente” di Nanni Moretti e pure mio, va’.
Si osserva e si notano sguardi, comportamenti, gesti. Continua a leggere “Passeggiata estiva” →

Come fare una presentazione di un romanzo in un ex deposito ATR

IMG_1026

Ingredienti:

– un buon romanzo da presentare

– una location fascinosa

– un interlocutore simpatico e disponibile

– due coautrici simpatiche

– un pubblico che ha sfidato il caldo Continua a leggere “Come fare una presentazione di un romanzo in un ex deposito ATR” →

Presentazione “In territorio nemico” a Forlì

In territorio nemico_small

Sabato 15 giugno (domani!) alle ore 18 nell’ambito della rassegna Spazi Indecisi ( Ex Deposito ATR, Largo Savonarola – Forlì) https://www.facebook.com/events/543573975689430/
presentazione del romanzo In territorio nemico (Minimum Fax) della SIC (Scrittura Industriale Collettiva)
Intervengono le tre SICster Carla Casazza, Morena Fanti ed Elisa Massari
Continua a leggere “Presentazione “In territorio nemico” a Forlì” →

Scrivere un romanzo è come fare il ‘cambio dell’armadio’

cambio-armadi-istruzioni-per-luso-L-IJbPk_

Sapete tutti come fare quell’operazione che molti chiamano “il cambio dell’armadio” (che non significa cambiare il mobile contenitore dei nostri abiti, bensì cambiare la posizione dei medesimi in modo da avere a portata di mano quelli adatti alla stagione) sia una cosa fastidiosa e anche faticosa.
Si passano settimane dicendo: “Dovrei fare il cambio dell’armadio”, “Devo decidermi a farlo”. Continua a leggere “Scrivere un romanzo è come fare il ‘cambio dell’armadio’” →

Il personaggio scomodo

81decalcomanie

«Le immagini vanno viste quali sono, amo le immagini il cui significato è sconosciuto poiché il significato della mente stessa è sconosciuto.»
(R. Magritte)

Siamo abituati a vedere le cose in un certo modo: sappiamo che chi soffre merita la nostra comprensione e anche la nostra compassione.
Sappiamo che chi si comporta male merita il nostro disgusto e la nostra riprovazione.
Chi ama e soffre merita di essere felice.
Chi tradisce merita la nostra rabbia.
Chi muore la nostra pietà.

Siamo abituati a giudicare i personaggi dalle loro azioni: Continua a leggere “Il personaggio scomodo” →

Dieci anni da blogger

Splinder-chiude

Il 3 giugno 2003 ho scritto il mio primo post: oggi sono quindi dieci da quando sono diventata blogger.
Non parlo di questo blog, perché Solo io e il silenzio, che è iniziato solo nel 2007, è l’ultimo nato.
All’inizio ci fu Aquilone blu, poi ZiaIris, auto-aiuto, zenzerocandito, scriveregiocando e altri ancora (nessuno linkabile nella sua forma originale perché erano tutti su Splinder che ora non esiste più. Qualcosa ho recuperato (trovate i link qui a destra) però non ci sono più i template originali e non sono belli come allora.
In certi periodi ho scritto in sei blog contemporaneamente ed erano sempre post diversi. Continua a leggere “Dieci anni da blogger” →