Tu, scrittore? Certo!

snoopy-scrittore2Lo spunto viene da questo post nel blog di Daniele Imperi.
Non vi copio tutti i punti elencati da Daniele, ma sottolineo quelli cui sui la mia attenzione si è fermata di più:

Sono nata scrittrice?

Ahimè no. Come scrivo nella mia pagina ‘Io‘ su questo blog – pagina che dovrei forse aggiornare – non ho mai amato scrivere e mi dispiace perché mettere “a otto anni scrivevo già i miei primi romanzi” nelle bio ci sta da dio.
Quindi, non sono nata scrittrice.
Ma, la scrittura è per me un richiamo. E qui sono in linea con i punti di Imperi.

E veniamo agli altri punti: leggo molto e leggo ‘bene’, sono un’osservatrice e una pensatrice (!), rifletto moltissimo, sono giustamente curiosa ma faccio poche domande, solo quelle necessarie all’attività lavorativa e non dei miei personaggi, non mi accontento, e sono di certo (come tutti) diversa dagli altri, ho sensibilità che gli altri feriscono e spesso ignorano, trovo qualche difetto nei film che vedo (vedi post di ieri su La migliore offerta), ma non sogno a occhi aperti, non creo mondi in cui vivere e non uccido nessun nemico.

Scrivere non mi rilassa molto ma mi soddisfa, soprattutto quando arrivo alla fine di una scena difficile, non mi fa sentire superiore, anzi a volte è un handicap, non mi rende diversa, lo sono già, non mi fa sognare, non mi fa realzizzare sogni impossibili e non mi fa viaggiare altrove e non lenisce nessuna solitudine, non mi fa rifugiare e non mi fa creare mondi migliori, ma è una cosa che devo fare.

Vorrei emergere.

Ho un blog che non è male (quarto posto classifica scrittori su Blogbabel da giorni. È vero, non si dovrebbe dire, ma me l’avete strappato di bocca).

Sono di certo il tipo di scrittore che non vuole restare anonimo. Io ci metto il nome e la faccia, come sempre.

Scrivo tutti i giorni. Nel 2012 non ho concluso del tutto una storia, ma ho sempre scritto e la storia è lunga.
Ne ho in mente tante da stancarvi. Ma forse vi ho già stancato 😉

Ho pubblicato un libro con un piccolo editore e un romanzo con il self-publishing.
Ne ho due già iniziati, ma ho deciso (beh) di scriverne un terzo. Ma le altre storie sono lì che aspettano.

Sono scrittrice? Che ne dite?

Advertisements

7 pensieri su “Tu, scrittore? Certo!

  1. A mio avviso si è scrittori quando si ha qualcosa da dire, da raccontare, e non importa quanti ci leggeranno. Non sarebbe un peccato reprimerci? Tenere dentro ciò che pensiamo meriti di essere lasciato andare? A vole come catarsi, altre come semplice voglia di richiamare attenzione. Oppure come spunto per una riflessione. O, perché no, come puro momento di svago. L’importante è non avere mai l’arroganza di volere insegnare qualcosa e di aspettarci di essere osannati. Ache se, in cuor nostro, un poco lo sognamo.
    Davide

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...