Dalla prima immagine alla storia – Scrivendo 14

Ivano Vitali – Gomitolo realizzato con il quotidiano “Il Sole24Ore”
e utilizzato per realizzare “Tape-stry 11” 2008
a
a
a
 

All’inizio c’è quella che io chiamo “la visione” (sorrido sempre quando la nomino: mi ricorda Bernadette Soubirous nella grotta).
La visione è semplice, un fotogramma: Annalisa, Dario e Fabio si rivedono dopo vent’anni.
La fase successiva è ‘vedere’ questi tre e metterli in una situazione di crisi e domandarsi cosa faranno. Se i tre amici finissero a letto insieme, cosa accadrebbe?
Ecco, il romanzo inizia da qui: un’immagine e una situazione di crisi. La crisi è importante: è la molla che farà muovere i personaggi. Dove ‘muovere’ potrebbe anche non indicare un movimento fisico, visibile, ma un movimento dell’anima, invisibile se non raccontato dalla penna dello scrittore.

Con il movimento, la storia cresce e ha il suo svolgimento e il dipanamento (la storia è un gomitolo di fili intrecciati) finale.

In mezzo c’è un mondo di possibilità: a volte nei romanzi, o racconti, accade poco, ci sono pochi eventi, ma ci possono essere tanti coinvolgimenti, tanti cambiamenti. Sta allo scrittore scoprirli. Si fanno muovere i personaggi e si vede cosa accade, come reagiscono agli eventi e come interagiscono. Tutto questo, però, non è già deciso all’inizio, non nasce dall’immaginazione, non è un film già girato.
C’è molto lavoro dietro una storia. La prima immagine (e la crisi conseguente) è importante, ma è solo l’inizio.
Marco Freccero oggi, in questo post, parla di manipolazione. Nomina anche le lezioni di Giuseppe Pontiggia che consiglio di ascoltare e che trovate qui.
“Manipolazione” richiama alla mente una visione (ancora!) di mani che impastano e modellano. La storia diventa creta e si modella finché non si mostra tutta intera, ben formata e ricca dei particolari giusti.

Annunci

Un pensiero su “Dalla prima immagine alla storia – Scrivendo 14

  1. Non ho mai scritto un libro, solo brevi racconti senza pretese, ma penso che l’immagine iniziale sia fondamentale per chi invece scrive libri. Un’immagine dalla quale prende inizio tutto quanto e sulla quale dipanare la storia
    Sempre molto interessante leggerti
    Ciao, Patrizia

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...