Sale la corrente

sono cosa smorzata
attutita nel passo
acqua stagnante nel gorgo
dei passanti
ferma nel niente del giorno ingobbito
tralascio me stessa in attesa di te.
è un pomeriggio lungo
il cercarti nella memoria.
interpreto un pensiero
raccogliendo il velo caduto.
mi guardi da vicino
mi sproni, mi inviti.
sale la corrente
e mantengo gli argini
ancora per poco.
esondi all’improvviso e travolgi
mentre abbatti il giorno
dipingendolo di rosso e di blu.

M.F.

* brano tratto dal mio lavoro inedito In un tempo di mezzo

** l’immagine proviene da qui

Annunci

3 pensieri su “Sale la corrente

I commenti sono chiusi.