Dare vita al personaggio – Annalisa Malaguti

Due uomini da soli possono fare un romanzo?
Forse sì, ma se affianchiamo loro una donna è probabile che la storia si ingarbugli e acquisti profondità che non avevamo immaginato.
Così è stato anche per Dario e Fabio. Quando hanno conosciuto Annalisa, molti anni fa, hanno trovato un’amica. Ma erano gli anni dell’università. E ora, come sarà Annalisa?

Disegnare una donna è (forse) per me più facile. Ma non è detto.
La scelta del nome: Annalisa è un nome molto lungo rispetto ai miei standard. L’ho scelto per un motivo preciso. Ci ho ragionato su, come per gli altri nomi ma questo ha anche un motivo serio e particolare.
Poteva andarmi bene anche Elisabetta. Avrebbe fatto lo stesso ‘servizio’. Ma Annalisa non è tipo da Elisabetta.

Ci sono persone che devono avere un certo nome. Sembreranno facezie o quisquilie ma per me non lo sono. Se io non ‘sento’ il nome non identifico bene la persona.
Quindi, Annalisa. Il cognome è stato facile. Ho scelto Malaguti perché Annalisa è emiliana, anche se non bolognese, e ora abita a Bologna.
Ma dei cognomi abbiamo già detto: possono anche non essere regionali.

È laureata pure lei, come i due amici di cui sopra. Alla storia era funzionale che loro fossero amici e quale occasione migliore degli anni universitari?
Annalisa lavora per una Compagnia assicurativa e bancaria. Progetta e segue i corsi formativi per gli impiegati e i promoter finanziari. Anche qui il lavoro è stato scelto per mia comodità.
Uno di questi corsi la porta in Liguria e le suggerisce l’idea di rivedere dopo tanti anni Dario e Fabio.
La famiglia: Annalisa è separata e ha una figlia, Erica.

Ma, come sempre, è importante capire chi sia questa donna dall’apparenza forte, che prende decisioni rapide e che vive contraddizioni che le rosicchiano l’anima.
Annalisa è la molla che mi ha fatto capire che questo era un romanzo e non un racconto.
Di certo, lei è l’artefice di tutto: programma l’incontro con gli altri e si muove per prima.
Poi, il sabato sera…

Ma se volete sapere il resto, leggete l’ebook che sta per arrivare.
Poco fa ho caricato il file su Narcissus e la copertina (stupenda!) che presto vi mostrerò. Ora l’ebook è in lavorazione. Vi terrò al corrente.

* con Annalisa ho terminato la presentazione dei tre personaggi principali, i protagonisti del mio romanzone. Ma ci sono altri personaggi, ad esempio tutti i familiari dei tre amici, i colleghi di lavoro e i collaboratori. Poi ci sono anche i ‘personaggi di contorno’, a volte importanti per la storia. Parlerò poi anche di loro

Advertisements

2 pensieri su “Dare vita al personaggio – Annalisa Malaguti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...