Le candele non sono qui

Sono tre mesi che vivo sapendo che qualcosa è rimasto là. La ‘casa vecchia’, ormai è questo il suo nome, è depositaria di tutte le cose che qui mancano.
Quando non si trova qualcosa, si dice: “Ma l’abbiamo portato qui o no?”, si rimescola un poco nei cassetti e si conclude dicendo: “Mah, sarà ancora là”. Gli oggetti assurgono a composizione quasi umana e si arriva a dire: “Ma il colino piccolo è venuto in qua?” – nella testa l’immagine di un colino con gambe lunghe e secche e scarponcini da neve fa la sua comparsa – mentre si prende il colino grande e si fa di necessità virtù.
Un trasloco non lascia mai indenni, ma io da questo ne sono uscita benissimo, anche se non ho neppure una candela – e pensare che là ne ho tante! – e mi mancano ancora due paia di scarpe estive – ma l’estate è tanto lontana – un quadro e tre camicie che, comunque, ormai indosso poco. Continua a leggere “Le candele non sono qui” →