Da grande farò l’editor

Scrivere è un lavoro lungo: non basta scrivere una storia come viene. Scrivere non è raccontare al bar agli amici. La scrittura è sostenuta dalle parole ma le parole devono essere chiare, devono fare capire cosa intendiamo dire. Devono mostrare i luoghi, i personaggi, i loro stati d’animo. Il tutto senza il supporto della mimica facciale (nei romanzi non si possono inserire faccette che strizzano l’occhio o che ridono) e dei cambiamenti di voce, di volume, di respiro. 
Tutto questo lavoro deve essere fatto limando il testo, spostando le virgole, modificando le parole fino a trovare quella che ha il significato più vero, più aderente a ciò che vogliamo dire.

Tutto questo si chiama “revisione del testo”, ma andrebbe chiamato “revisioni” perché sono di certo più di una e a volte sono così tante da non ricordare com’era il testo all’inizio.
Tutto questo mi piace molto. Lo trovo interessante e divertente. Anzi, direi appassionante: perciò ho deciso che da grande farò questo lavoro.
Ciò che mi piace di più è che se ti chiami ‘editor’ puoi cazziare e rimbrottare colui che si chiama ‘scrittore’. Ho anche in mente alcuni autori che rimbrotterei volentieri.

 * l’immagine proviene da qui. Consiglio anche la lettura del post

Annunci

11 pensieri su “Da grande farò l’editor

  1. ehm.. mi revisioneresti il mio primo romanzo quando lo scriverò? Certo, visto che scrivere è un lavoro, dovrò attendere i 66 anni della pensione. Ma intanto mi metto in lista per allora 😉
    Baci
    Ars

    Mi piace

  2. Oh sì, da come hai “editorato” i miei racconti io riporrei in te la massima fiducia. Peccato che anche io dovrei aspettare la pensione per darmi alla scrittura con continuità ed assiduità, fuori dai nostri “giocherelli” bloggereschi. E che questa stramaledetta pensione ogni volta che cominci a intravedere il traguardo trovi qualcuno che te lo sposta un pò più in là.
    Chissà, per allora tu sarai una editor famosa e ricercata, e forse non avrai tempo per un pirla come me!
    Intanto Buon anno, và, che ne abbiamo tanto bisogno!

    Mi piace

  3. Morena:
    potremmo mettere su una casa editrice: io ci metto i soldi della liquidazione, risolvo il problema del da qui alla pensione, e garantisco garbate lettere di risposta (anche in caso di rifiuto) ai manoscritti proposti.
    Tu fai l’editor di quanto scegliamo insieme di pubblicare. Il nome è già un programma:
    EDITRICE PIRLA.
    Fausto:
    grazie per il tuo apprezzamento: se vuoi troviamo un posto da qui alla pensione anche per te.
    Ciao
    🙂

    Mi piace

  4. Cara Morena, mi piace molto il tuo progetto.
    sul nome suggerito da Carlo mi sono rotolata dal ridere.,,
    epperò, mica sappiamo se in fondo un editore pirla non incontri più di un editore perla?…

    ciao, e buon anno, seppure con ritardo.
    un abbraccio
    cri

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...