Una pagina di diario

Ieri ho scritto una pagina di diario per soddisfare la richiesta di un’amica che vuole realizzare un volume. Mentre la scrivevo mi è tornata alla mente un’altra pagina che scrissi tempo fa per un’iniziativa simile di cui poi non si è fatto nulla. In quel caso il diario era un oggetto materiale, vero [molto bello, realizzato artigianalmente da Alessandra Pigliaru. Lo potete ammirare nella foto], che andava di casa in casa, viaggiando su e giù per l’Italia. C’era quindi, anche il contatto fisico con l’oggetto che arrivava per posta, veniva scartato, sfogliato, letto (se non eri la prima a scriverci), scritto, incartato di nuovo e spedito.
Era una bella idea ma a un certo punto il diario si è perso. Continua a leggere “Una pagina di diario” →