Come si scrive un libro [o un romanzo]

Siamo arrivati alla terza domanda: Come si scrive un libro? O un romanzo? Le domande si equivalgono.
La prima risposta che mi viene in mente è: Seduti. O almeno, questa è la mia risposta. Io preferisco scrivere da seduta: lo trovo più comodo. Ma non escludo che si possa anche scrivere stando in piedi e che a qualcuno piaccia farlo così.

Presumo, però, che chi ha digitato la domanda avesse ben altre curiosità. Cosa intendeva chiedere secondo voi?
Forse voleva sapere “Quale bagaglio culturale, emotivo ed intellettivo devo possedere prima di iniziare la scritura di un romanzo?”.

E ancora: “Quali passaggi devo compiere prima di avvicinarmi alla scrittura di un romanzo?”.

Queste sono domande solo all’apparenza ingenue. Credo siano le domande base che ci dobbiamo (dovremmo) sempre fare prima di scrivere quel nostro magico testo di 300 pagine che ci farà sudare quasi come l’afa che abbiamo in questi giorni.
Le risposte non sono affatto scontate. Io credo che prima di iniziare la scrittura di un romanzo dovremmo avere acquisito una buona competenza nella lettura, tanto per dire la prima cosa che mi è venuta in mente.

Non credo in chi scrive e afferma di non leggere. Chi segue questa strada farà solo cattiva letteratura. È difficile scrivere bene in ogni caso. Se poi non si legge allora è impossibile.

A meno che non siamo Geni. Allora non avremmo domande da fare, no? 

Annunci

7 pensieri su “Come si scrive un libro [o un romanzo]

  1. io ho scritto tutti i miei più bei romanzi a letto…sì, sdraiata con un blocco e un pennarello.
    però la mattina, dopo averci dormito su, li ho buttati tutti.
    abbracci
    maggie

    Mi piace

  2. con tutto quello che hai detto tu e una buona idea.
    che non significa necessariamente “qualcosa di cui non si è mai scritto” (esiste ancora?) ma scriverne in modo originale…
    credo.

    un po’ come Maggi ho scritto i miei più bei paragrafi (libri ancora no) in stato di dormiveglia tra i cuscini e il piumone. poi, cavoli, la mattina ti svegli e tra le lenzuola non trovi nulla!!!

    Mi piace

  3. Scrivo seduta sul divano, il computer sulle gambe (incociate), la televisione a tutto volume con i cartoni giapponesi in movimento e i piedini del mio bambino sdraiato accanto a me che mi spingono e scalciano.
    Per la cronaca il “bambino” ha 10 anni e i piedini calzano già il 40 …. mai andata oltre le 300 parole di un articolo del blog!

    Mi piace

  4. Bè…se ti riferisci al modo in cui scriviamo, direi il più delle volte seduta o al massimo sdraiata. Per quanto riguarda il quando, anche al lavoro e l’ultima volta che è successo ho pubblicato il racconto “Turchese” sul blog. C’è solo un particolare…sono un vigile urbano e facevo ordine pubblico in quel momento.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...