Rondini e ronde (e primo marzo)

1° Marzo 2010 – 24 ore senza di noi Questo blog aderisce alla giornata di lotta dei migranti

Rondini e ronde
Scritti migranti per volare alto sul razzismo

202 pp. – Euro 12,00
Mangrovie edizioni, 2010

ISBN 978 88 96641 03 3
Legatura in filo refe

 

 

 

La sigla è di quelle che più anonime non si può. Ma dietro il ddl 733 B si cela una delle leggi tra le più retrive pensate dal governo Berlusconi, cinicamente detta “pacchetto sicurezza”.
Dal 2 giugno 2009, giorno della sua entrata in vigore, la clandestinità è un reato penale. Fuggire da un Paese in guerra, dalle torture, dalla fame e scegliere l’Italia come approdo porta dritti in quei lager che sono i Centri di identificazione ed espulsione. Oppure in galera.
I racconti contenuti in questa antologia sono stati scritti da autori migranti e italiani. Voci, culture, pensieri diversi levati contro una politica razzista che non può e non deve avere la meglio sul nostro futuro. Impensabile senza immigrati. E senza l’arricchimento che scaturisce dal confronto tra diverse culture.

Racconti di:
Julio Monteiro Martins, Pina Piccolo, Daniele Barbieri, Tahar Lamri, Milton Fernàndez, Mihai Mircea Butcovan, Giuseppe Calabrese, Raffaele Niro, Zhanxing Xu, Claudiléia Lemes Dias, Susanne Portmann, Helene Paraskeva, Jorge Canifa Alves, Marina Sòrina, Ismail Ademi, Leonardo Tondelli, Rosana Crispim Da Costa, Božidar Stanišić, raphael d’abdon, Paolo Buffoni Damiani.

 

Prefazione di Jean-Léonard Touadi.
«Presentarsi agli altri, gentilmente; poi con un sorriso-maschera cortese ripetere due, tre volte il proprio nome e cognome, esotici perché non italiani. […] Ci sono però immigrati che, oltre a presentarsi in modo borghese, potrebbero fare altre scelte, soprattutto come testimoni della Storia.
Un giovane colombiano di nome Alvaro potrebbe presentarsi come colui che ha vissuto l’uccisione di tutti i suoi nove familiari, ed è riuscito a fuggire perché voleva vivere malgrado tutto; un kurdo di nome Jusef e sua moglie Aisha come coloro che su una zattera di gomme di auto usate sono riusciti a raggiungere l’altra sponda di un grande fiume in Iraq e a salvarsi dai loro persecutori»

********************************************************************************
In Mangrovie Edizioni trovano collocazione le opere di scrittori stranieri che hanno scelto la lingua italiana per esprimersi, facendo lo sforzo di uscire da sé, dal rifugio protetto e proteggente della propria lingua madre per raccontare andando presso l’altro, innanzitutto con la lingua. Essi dunque, migrano prima di tutto tra le lingue che vuol dire anche migrare tra i mondi. Con le loro scritture che ri-creano il nostro italiano ci consegnano i mondi diversi che loro abitano.

*Ho messo questa segnalazione oggi, primo marzo 2010, giornata di lotta dei migranti per i diritti e contro il razzismo, per ricordare che si può fare dei passi verso una direzione in tanti modi, e per uno scrittore un passo importante può essere scrivere di argomenti che sente, di argomenti sociali, mostrando così che l’impegno dello scrittore cammina di pari passo con ciò che è l’uomo.

Leggete anche questo post di Daniele Barbieri (Daniele è anche uno degli autori del libro indicato nel post) e aderite anche voi a questa importante giornata.

 

Annunci

5 pensieri su “Rondini e ronde (e primo marzo)

  1. scrivendo lo stesso articolo sul mio blog,e cercando notizie sono arrivato da te.
    …invece di discriminare, potremmo ricordare ai nostri “cari”politici,specie a quelli omofobi e razzisti, che solo tutelando il lavoro, in ogni sua forma, potremmo avere legalità e rispetto.

    ..complimenti per il blog..se ti va passa da me…;-)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...