Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti


Lascia un commento

Azioni orribili da uomini insospettabili

mantide religiosa

Accade che una conoscenza leggera, una di quelle occasionali, che vediamo solo per certe occasioni non tanto frequenti, ti racconti parte della sua vita passata – ovvio, che della futura ancora non sa -, e che tu ascolti con meraviglia pensando che una simile azione, non solo mai te la saresti aspettata da costui ma proprio mai l’avresti immaginata da chiunque. Lo guardi e pensi: “Un simile ometto*. Chi l’avrebbe mai immaginato?” Continua a leggere


3 commenti

Ogni tanto mi rileggo

5_Rene_Magritte- the false mirror

E a volte mi piaccio. Non si tratta di indulgere, di osservarsi con occhio compiacente, di scusare le proprie imperfezioni.
Credo che tutto risieda nella sincerità con cui si scrive; che tutto sia nell’apertura mentale e ‘animale’ con cui ci si mostra. Ora, non dico che si deve raccontare di sé ogni particolare, non si parla di vita privata, dei nostri piccoli segreti e relativi scheletri nell’armadio. Si parla di essere se stessi, di dire le cose che si sentono – e sto parlando di come si scrive, di come si declina il nostro pensiero riguardo certe faccende anche sociali e pubbliche. Continua a leggere


1 commento

Flannery O’Connor allevava pavoni per costruire il suo brand?

industrial branding and b2b sales & marketing

Si parla spesso di brand: di cosa sia e che valore abbia per chi vuole essere presente in modo efficace sul web.
Da settimane, Marco Freccero sta scrivendo tanti post su come costruire il proprio brand e io li ho letti con attenzione. Non solo nella speranza di carpire qualche segreto e non solo perché sono curiosa di qualsiasi cosa riguardi il web e la nostra presenza in questo luogo non luogo. Li ho letti cercando di capire e confrontare il mio comportamento con quello che Freccero suggerisce.
Concordo con lui sul fatto che noi (autori, pittori, fotografi, disegnatori, creatori di oggetti) siamo qui (anche) per fare conoscere il nostro lavoro. Perché no? Siamo una banda di malati di ego e crediamo di avere qualcosa da dire, quindi vogliamo trovare chi ascolti le nostre elucubrazioni. Aprire un blog* significa condividere qualcosa con gli altri e, per noi che non vogliamo fare il diario delle nostre giornate, significa condividere la nostra scrittura e le idee che abbiamo sull’argomento. Continua a leggere


4 commenti

Cartaceo vs ebook

oconnor

Credo di avere già detto qualche pregio della lettura digitale: meno peso da portarsi in borsa per leggere mentre si attende in anticamera dal medico, meno peso in valigia durante un viaggio aereo, facilità di lettura a letto prima di dormire – se già vi affaticate a reggere un libro di 800 e più pagine, come potrete rilassarvi nel sonno? -, velocità nei traslochi – nell’ultimo, dopo avere regalato ad amici e parenti borse di libri, ho preparato decine di scatoloni e ho dovuto spolverare e collocare di nuovo i volumi nelle librerie. Continua a leggere


2 commenti

L’ispirazione frequenta i bar

IMG_2412

Nei mesi scorsi, complice un’estate che spingeva alla fuga e alla ricerca di un rifugio dal temporale improvviso ma non imprevisto, ho trascorso parecchie ore seduta al tavolino del bar della spiaggia. Prendevo il tablet e mi dedicavo a qualche lettura o a un gioco (lo so, questo rovina un po’ la mia allure di persona seria, ma il gioco è un’ottima fonte di relax e anche di conoscenze). Dopo pochi secondi avevo un bambino dietro le spalle che osservava ogni mio movimento. Un adulto passava e buttava un occhio, ripassava con un bicchiere in mano e chiedeva: “È un mini? Io ho quello grande.” Continua a leggere


3 commenti

“Scrivere in prima persona incipit”

incipit1-e1388575213431Se settembre rappresenta per alcuni di noi il simbolo dell’inizio dell’anno ‘vero’, l’incipit, che è l’inizio del romanzo, è una delle parti più importanti, e quindi fa bene il nostro lettore a preoccuparsene.
Ma chi ha digitato la frase non cercava solo notizie sull’incipit, bensì sull’incipit scritto in prima persona. Ho già scritto una volta che la prima persona nella narrazione è coinvolgente per il lettore; chi legge è già portato a identificare l’autore del testo con il personaggio del romanzo e, se la narrazione avviene in prima persona (Uscii da quella casa pronta a non farvi più ritorno. Trascinai la valigia come fosse piena delle parole che Sandro mi aveva urlato. Il portiere mi fissò e lasciò che il “Buonasera signorina” si sciogliesse in gola.), allora il lettore ha la conferma che attendeva e si dispone a leggere fino in fondo ciò che “abbiamo vissuto”. Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.232 follower